Novara, al professor Cisari il titolo di primario emerito

Ha diretto per anni la Struttura complessa di Medicina fisica e riabilitazione

Al prof. Carlo Cisari, che ha lasciato, per raggiunti limiti di età, la direzione della Struttura complessa a direzione universitaria di Medicina fisica e riabilitazione, la direzione dell’azienda ospedaliero-universitaria di Novara ha conferito il titolo onorifico di primario emerito, “per l’impegno sempre profuso con eccellenti risultati nell’attività assistenziale, nella ricerca, nella didattica e per il prestigio arrecato all’ospedale di Novara”.

Il prof. Cisari è all’ospedale di Novara dal 1976, tranne una breve parentesi tra la fine degli anni ’80 e il 1993, quando assunse la qualifica di primario del reparto di Medicina fisica e riabilitazione. Successivamente ha assunto l’incarico di docente presso l’Università del Piemonte orientale, dal 2007 professore associato in Medicina fisica e riabilitativa presso lo stesso ateneo e dal 2016 direttore del Dipartimento interaziendale funzionale transmurale di Medicina fisica e riabilitativa.

"Nel momento in cui lascio – ha dichiarato il prof. Cisari, che ha voluto ringraziare i suoi collaboratori e le associazioni e le Fondazioni che lo hanno sostenuto – il mio pensiero va al dott. Carlo Sguazzini Viscontini, mio maestro e mentore: è grazie ai suoi insegnamenti se ho potuto ottenere importanti risultati professionali. Ora continuerò sul territorio".

Il direttore generale dell’Aou, il dott. Mario Minola, ha sottolineato come il prof. Cisari "sia stato una figura importante per il nostro ospedale e di riferimento per tutto il Piemonte orientale; ha fatto onore alla scuola novarese di fisiatria e riabilitazione". Per il rettore dell’Upo, prof. Giancarlo Avanzi, "il prof. Cisari ha avuto un ruolo importante a livello nazionale e ha istituito una delle poche Scuole di specialità in fisiatria e riabilitazione in Italia. Lascia una traccia importante e una importante produzione scientifica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Cirio: "Piemonte in zona arancione", ma gli ospedali sono al limite e non si fanno tamponi agli asintomatici

  • Coronavirus, l'ospedale Maggiore di Novara deve aprire un nuovo reparto di terapia intensiva

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

  • Coronavirus, il Piemonte resta in zona rossa: prorogate al 3 dicembre tutte le misure di contenimento

  • Coronavirus, a Novara tamponi rapidi a pagamento nel parcheggio dell'ex Sporting: come prenotarli

  • Coronavirus, 6 persone positive al covid decedute all'ospedale di Novara in 24 ore

Torna su
NovaraToday è in caricamento