Novara, all'ospedale Maggiore arriva la "Colon Unit"

Si tratta di un importante team, un'unità funzionale clinico-chirurgica interdivisionale ad alta specializzazione, che lavorerà sulle patologie del colon

Foto di repertorio

All'azienda ospedaliero-universitaria di Novara è stata istituita la "Colon unit", un'unità funzionale clinico-chirurgica interdivisionale ad alta specializzazione finalizzata a migliorare le performance aziendali sulla patologia colon rettale, con un aumento dei volumi di attività e della fidelizzazione dei pazienti, nonché con un miglioramento degli esiti di cura. Un altro obiettivo è quello di sviluppare un team di chirurghi, in grado di utilizzare anche l’accesso robotico, oltre a quello laparoscopico, per il trattamento delle patologie dell’apparato digerente.

La Colon unit prevede la partecipazione di personale delle Strutture di chirurgia a direzione universitaria (prof. Sergio Gentilli) e ospedaliera (dott. Raffaele Romito) e gastroenterologia: il coordinatore responsabile dell’unità è il dott. Pietro Occhipinti (direttore della Struttura complessa di gastroenterologia), lo staff è composto dai chirurghi dott. Paolo Bellora,  dott. Filadelfio Nicolosi, dott.ssa Giordana D’Aloisio,  dott. Luca Portigliotti.

L’istituzione della Colon unit è funzionale anche al progetto regionale sul miglioramento dei tempi di recupero postoperatorio, cui ha aderito l’Aou di Novara, una delle prime aziende piemontesi ad essere autorizzata dalla Regione Piemonte a partire con la prima fase di un progetto specifico fin da questo settembre. Il progetto (denominato Eras) è incentrato sulla valutazione dei tempi di recupero postoperatorio in due tipi di chirurgia di eccellenza per la Aou: la chirurgia dell’utero e appunto quella del colon.

Alla fine degli anni '90, con il raggiungimento di età medie superiori a 80 anni, nei paesi più sviluppati, si è fatto via via strada in chirurgia il concetto che un più rapido recupero dopo un intervento chirurgico (meglio noto in chirurgia con l’acronimo inglese Eras: Enhanced Recovery After Surgery) riducesse la mortalità e la morbilità correlate alle procedure chirurgiche e che quindi potesse influire anche sulla loro sostenibilità economica. Il concetto di Eras è applicabile a tutte le specialità chirurgiche, ma la diffusione e validazione delle metodiche nelle principali pratiche chirurgiche è stata ostacolata negli anni dalla non completa riproducibilità dei risultati tra ospedale e ospedale. Nessuna
singola misura di esito infatti definisce completamente la performance di recupero postoperatorio, ma sono necessari molteplici parametri in ogni sua fase. Per questo motivo l’assessorato alla sanità della Regione Piemonte ha proposto questo importante studio regionale al fine di validare risultati e metodiche di Eras nella realtà piemontese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mega incidente alle porte di Novara: scontro tra 7 auto, otto feriti

  • Coronavirus, primi due casi positivi nelle scuole di Novara

  • Elezioni comunali ad Arona, Monti è il nuovo sindaco

  • Novara, ragazzino cade dal muro dell'Allea e precipita per 7 metri

  • Esce da scuola e scompare: 11enne di Trecate ritrovata a Magenta

  • Casalbeltrame: sabato i funerali di Carlo e Veronica, i due fratelli morti in un incidente in moto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento