Coronavirus, in Piemonte si cercano infermieri territoriali e assistenti sociali

Due nuovi avvisi pubblici dell'Unità di crisi della Regione. Scadenza il 10 giugno alle 12

Foto di repertorio

Nell’ambito dell’emergenza sanitaria connessa alla diffusione del coronavirus, l’Unità di crisi della Regione Piemonte lancia due nuovi avvisi pubblici per la ricerca di infermieri di famiglia e comunità, per il rafforzamento dei servizi infermieristici territoriali, e di assistenti sociali, a supporto dell’attività delle Unità speciali di continuità assistenziale (Usca). Per entrambi gli avvisi il termine per l’inoltro delle candidature è il 10 giugno alle ore 12.

Il primo avviso riguarda manifestazioni di interesse alla formazione di elenchi di personale infermieristico disponibile ad esercitare lavoro autonomo/co.co.co nelle aziende sanitarie della Regione Piemonte, per le finalità previste dall’art. 1 comma 5 del D.L. 19 maggio 2020, n. 34: rafforzamento servizi infermieristici territoriali con introduzione di infermiere di famiglia o di comunità; potenziamento della presa in carico sul territorio dei soggetti infettati da Covid-19 e di altri soggetti con fragilità; potenziamento delle Unità speciali di continuità assistenziale e dei servizi offerti dalle cure primarie.

L’Unità di Crisi ricevute le manifestazioni di interesse, giornalmente inoltrerà tali elenchi alle singole aziende, le quali si riserveranno la possibilità di conferire per proprio conto gli incarichi.

Requisiti di ammissione: laurea richiesta per l’accesso al profilo di infermiere o titolo equipollente secondo la normativa vigente; iscrizione al relativo albo professionale; non trovarsi in costanza di rapporto di lavoro subordinato con strutture sanitarie o socio-sanitarie pubbliche e private accreditate. Per i cittadini di stato estero non facente parte dell’Unione Europea, è necessario allegare regolare permesso di soggiorno in corso di validità.

La manifestazione di interesse dovrà essere espressa mediante la compilazione del modulo allegato al bando da far pervenire esclusivamente al seguente indirizzo mail: personale_unitacrisi@regione.piemonte.it.

Il secondo avviso pubblico è volto a raccogliere manifestazioni di interesse alla formazione elenchi di personale del profilo di assistente sociale disponibile ad esercitare lavoro autonomo/co.co.co nelle aziende sanitarie della Regione Piemonte, per le finalità previste dall’art. 1 comma 7 del D.L. 19 maggio 2020, n. 34: prestare attività nei servizi sociali e socio sanitari territoriali delle aziende sanitarie della Regione Piemonte a supporto delle Unità speciali di continuità assistenziale, ai fini della valutazione multidimensionale dei bisogni dei pazienti.

L’Unità di Crisi ricevute le manifestazioni di interesse, giornalmente inoltrerà tali elenchi alle singole aziende, le quali si riserveranno la possibilità di conferire per proprio conto gli incarichi.

Requisiti di ammissione: laurea richiesta per l’accesso al profilo di assistente sociale o titolo equipollente secondo la normativa vigente; iscrizione al relativo albo professionale; non trovarsi in costanza di rapporto di lavoro subordinato con strutture sanitarie o socio-sanitarie pubbliche e private accreditate. Per i cittadini di stato estero non facente parte dell’Unione Europea, è necessario allegare regolare permesso di soggiorno in corso di validità.

La manifestazione di interesse dovrà essere espressa mediante la compilazione del modulo allegato al bando da far pervenire esclusivamente al seguente indirizzo mail:personale_unitacrisi@regione.piemonte.it.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gite fuori porta: tre luoghi da non perdere a due passi da Novara

  • Incidente a Novara, auto si schianta contro un dehors in via Pontida

  • Incidente a Paruzzaro: schianto tra auto e camion, un ferito grave

  • Coronavirus, pronta una nuova ordinanza in Piemonte: niente più distanziamento sociale sui mezzi pubblici

  • Incidente mortale a Omegna: giovane perde la vita nello schianto tra un'auto e una moto

  • Batterio pericoloso: ritirato lotto di salmone prodotto a Borgolavezzaro

Torna su
NovaraToday è in caricamento