Donato all'ospedale di Novara un elettromiografo per la riabilitazione dei pazienti guariti dal Covid

La donazione di Fondazione Comunità Novarese onlus grazie all’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Novara

Fondazione Comunità Novarese onlus, attraverso il Fondo Emergenza Coronavirus e, nello specifico, grazie a una donazione di 10.000 euro effettuata dall’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Novara, ha scelto di impegnare queste risorse, con la collaborazione dell’Associazione a.n.c.o.ra. di Novara, nell’acquisto di un elettromiografo digitale portatile da destinare alla S.C. Medicina Fisica e Riabilitativa dell’Ospedale “Maggiore della Carità” di Novara diretta dal Prof. Carlo Cisari.

“L’associazione a.n.c.o.r.a – spiega il suo Presidente Roberto Toso - offre supporto ai pazienti fin dalle prime fasi del ricovero, affiancando il personale sanitario nell’attuazione del Progetto Riabilitativo Individuale. Per sfruttare anche i lunghi periodi di degenza e per aiutare le persone a prepararsi a un nuovo progetto di vita. L’emergenza ha spinto l’associazione a mettere a disposizione le proprie risorse dei pazienti Post-Covid, per rendere il servizio fornito dalla Struttura ospedaliera il più completo ed efficace possibile”.

I pazienti colpiti dal Covid-2019 presentano, a seguito della malattia, problematiche eterogenee. Oltre alle possibili implicazioni a livello polmonare, in considerazione anche del prolungato ricovero dei pazienti, è possibile l’insorgere di problematiche come la polineuropatia ossia un danno simultaneo a molti nervi periferici in tutto il corpo, impairment muscolari o deficit cognitivi. L’impegno per il Reparto di Medicina Riabilitativa si presenta, quindi, particolarmente importante.

Il prof. Carlo Cisari ringrazia sentitamente "l'associazione a.n.c.o.r.a. e la Fondazione Comunità Novarese onlus per la donazione di questo importante apparecchio per la valutazione neuroriabilitativa. Con questo strumento saremo in grado di valutare e impostare terapie riabilitative adeguate per i pazienti Covid+ che necessitano di questo tipo di intervento".

“Con piacere – commenta il Segretario Generale della Fondazione Comunità Novarese onlus Gianluca Vacchini – abbiamo dato seguito a questa richiesta. L’implementazione della dotazione tecnologica del reparto, al fine di rispondere in maniera più efficace alle esigenze dei pazienti, è sicuramente fondamentale. Dobbiamo guardare al domani di chi si è trovato in grande difficoltà per aiutarlo a ristabilirsi nel modo migliore possibile. Inoltre, la nostra collaborazione con a.n.c.o.r.a prosegue, in maniera proficua da anni e la fiducia è reciproca”.

Il monitoraggio della fase post acuta dei pazienti affetti da Covid-2019 riguarda, quindi, vari aspetti clinici potenzialmente coinvolti dagli esiti della malattia e in particolare gli aspetti respiratori e del sistema nervoso. Per questo si è reso necessario l’acquisto di un elettromiografo digitale portatile a due canali comprensivo di Notebook, Software necessari e di tutti i kit per il funzionamento.

Le valutazioni verranno iniziate nelle fasi immediatamente post acute e proseguite nelle fasi di cronicità (6-12 mesi); al termine dell’emergenza il monitoraggio proseguirà su base periodica al fine di individuare i bisogni nel tempo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

  • Coronavirus, Cirio: "Per l'1 o il 3 dicembre il Piemonte sarà in zona arancione"

  • Coronavirus: +2641 casi in Piemonte, a Novara ricoveri in risalita

  • Coronavirus, all'ospedale di Novara 238 ricoverati e 5 decessi

  • Ahmadreza Djalali, si avvicina la pena di morte per il ricercatore novarese detenuto in Iran

  • Motocross tra le risaie del Torrion Quartara: 2400 euro di multe per 3 motociclisti

Torna su
NovaraToday è in caricamento