Giornata mondiale del Diabete il 14 novembre

Quest'anno la giornata è dedicata al ruolo dell’infermiere nella prevenzione e nel trattamento del diabete

Il 14 novembre si celebra la Giornata mondiale del Diabete.

Nel 2020 la Giornata Mondiale del Diabete é dedicata al ruolo dell’infermiere nella prevenzione e nel trattamento del diabete. In considerazione del rapido incremento del numero di diabetici nel mondo il ruolo dell’infermiere all’interno del team diabetologico acquisisce particolare rilevanza.

L’infermiere è spesso il primo operatore sanitario incontrato dalla persona con diabete e svolge un ruolo cardine nella

  • educazione al corretto stile di vita;
  • educazione all’ automonitoraggio e all’impiego delle tecnologie a supporto del diabete
  • educazione alla prevenzione delle complicanze

L’Atlante Diabete dell’International Diabetes Federation evidenzia che:

  • 1 adulto su 11, di età compresa tra 20 e 79 anni, è affetto da diabete per un totale di 463 milioni di individui, di cui 2/3 circa in età lavorativa;
  • 232 milioni sono gli adulti di età compresa tra 20 e 79 anni con diabete tipo 2 non diagnosticato, cioè 1 su 2;
  • il numero stimato di soggetti di età compresa tra 20 e 79 anni con ridotta tolleranza glucidica è di 374 milioni, pari a 1 adulto su 13;
  • le proiezioni per il numero di persone con diabete nel 2025, 2030 e 2045 sono rispettivamente 438 milioni, 578 milioni e 700 milioni. Considerando le differenti regioni, gli aumenti stimati vanno dal 31% nel Pacifico occidentale al 143% in Africa;
  • in tutto il mondo, uno ogni sei nati vivi, o 20 milioni, è nato da una gravidanza associata a iperglicemia, di cui l’84% è dovuto al diabete gestazionale.
  • il numero di decessi attribuibili al diabete nel 2019 è di 4,2 milioni e il diabete è associato all’11,3% dei decessi in tutto il mondo.
  • il 10% della spesa sanitaria globale è per il diabete .

Relativamente all’Italia, i dati dell’Osservatorio Arno che fanno riferimento a 11,3 milioni di cittadini di ogni età (circa un sesto degli abitanti del Paese), hanno permesso di identificare circa 700 mila persone con diabete, corrispondenti ad una prevalenza del 6,2%, un dato quasi doppio rispetto a quello italiano di 20 anni fa.

Alla luce di questi dati epidemiologici la prevenzione attraverso il corretto stile di vita e la diagnosi precoce sono fondamentali.

“Quest’anno l’emergenza sanitaria Covid- 19 non permette di realizzare eventi di piazza - afferma Maria Chantal Ponziani, Dirigente Responsabile della Struttura di Diabetologia dell’ASL NO -  e la Struttura di Diabetologia dell’ASL di Novara condividerà con la popolazione le iniziative preparate a livello nazionale dalle Società Scientifiche e da Diabete Italia. L’attenzione posta al ruolo dell’infermiere sottolinea l’importanza dell’integrazione tra le diverse figure professionali nel gestire il continuo aumento del numero di persone con diabete”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, le regole aggiornate in zona rossa valide fino al 30 aprile

  • Incidente mortale a Borgomanero, auto si schianta contro un palo e prende fuoco

  • Vaccini covid, al via l'8 aprile le preadesioni per gli over 60: per loro attivata la "panchina vaccinale"

  • Incidente mortale a Borgomanero, è una donna di 47 anni la vittima del rogo

  • Coronavirus, morto medico di famiglia di Novara

  • Oleggio, trovato all'alba privo di sensi per strada

Torna su
NovaraToday è in caricamento