Chirurgia toracica mini-invasiva: l'ospedale Maggiore all'avanguardia in Italia

Dal 2015 sono stati effettuati più di 400 interventi con una nuova tecnologia mini-invasiva su pazienti affetti da turmore ai polmoni

Foto di repertorio

La Struttura complessa di Chirurgia toracica dell’azienda ospedaliero-universitaria di Novara, da qualche mese diretta dal prof. Ottavio Rena, si conferma all’avanguardia in Italia per la chirurgia mini-invasiva sui pazienti affetti da tumore ai polmoni: la tecnologia si chiama Vars (Video Assisted Thoracic Surgery).

Secondo quanto spiegato in una nota stampa dell'ospedale Maggiore, l’intervento chirurgico tradizionale per la lobectomia associata alla linfoadenectomia ilo-mediastinica era la toracotomia, ovvero una incisione chirurgica di 15-20 centimetri sul torace a livello di uno spazio intercostale che richiedeva la sezione dei muscoli della parete toracica e la divaricazione delle costole. Invece la Vars prevede 2 piccole incisioni cutanee (una di 3-4 cm attraverso la quale si esegue fisicamente l’intervento e una di 1 cm che consente l’inserimento di una telecamera nel cavo pleurico per la visione), nessuna sezione muscolare e nessun utilizzo di divaricatore costale.

A partire dal 2015 la nuova tecnologia mini-invasiva è stata offerta ai pazienti dell’Aou di Novara affetti da neoplasia del polmone e sono stati effettuati più di 400 interventi con questa metodica, dato che pone la Scdu tra i primi 5 centri italiani di Chirurgia toracica mini-invasiva, con risultati eccellenti.

"La mini-invasività della metodica e i minori effetti collaterali - spiega il prof. Rena - hanno consentito di proporre la terapia chirurgica del tumore del polmone anche a soggetti anziani o resi particolarmente fragili da altre malattie croniche preesistenti come le patologie cardio-vascolari e la broncopneumopatia cronica. L’utilizzo della Vats lobectomy ha ridotto di 2 giorni la durata media del ricovero (da 6 a 4), ha
quasi dimezzato l’incidenza delle complicanze postoperatorie (dal 34% al 19%), ha ridotto in maniera drastica il numero di pazienti con dolore post-operatorio significativo (dal 25% al 4%) e la mortalità post-operatoria dal 2.5% allo 0.5%. Accanto ai risultati per il paziente si osserva una netta riduzione della degenza post-operatoria che sicuramente impatta in maniera positiva anche sul contesto assistenziale
familiare. Un particolare ringraziamento va al personale della Scdu Anestesia e Rianimazione diretta dal prof. Francesco Della Corte, al personale delle sale operatorie e del reparto di degenza, senza il cui costante supporto non si potrebbero perseguire risultati come quelli descritti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Novara, non scendono le sbarre del passaggio a livello: travolto un uomo in scooter

  • Coronavirus, da lunedì 26 ottobre a Novara (di nuovo) niente più visite e ricoveri non urgenti

  • Si ribalta con l'auto in un fosso: è Veronica Cuccaro la 33enne che ha perso la vita a Mortara

  • Cambio dell'ora, torna quella solare: si dorme un'ora in più

  • Coronavirus, coprifuoco in Piemonte dalle 23 alle 5: la nuova autocertificazione

  • Coronavirus, anche in Piemonte centri commerciali chiusi nel fine settimana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento