Sanità, in Piemonte addio al superticket su visite ed esami ambulatoriali

Dal 1° settembre non si pagherà più, a prescindere dal reddito

Foto di repertorio

Dal 1° settembre in Piemonte non si pagherà più il superticket sanitario su visite ed esami ambulatoriali, a prescindere dal reddito.

Lo ha annunciato l’assessore regionale alla Sanità e coordinatore nazionale della Commissione Salute Luigi Icardi , che oggi, venerdì 28 agosto, proporrà alla Giunta regionale di recepire la circolare del Ministero della Salute sull’abolizione della quota fissa relativa alle prestazioni specialistiche ambulatoriali prevista dalla legge di bilancio nazionale.

Il provvedimento entrerà in funzione per tutte le prestazioni ambulatoriali erogate dal 1° settembre 2020, senza bisogno di una specifica richiesta da parte del cittadino. Il risparmio per gli utenti piemontesi, nel solo periodo da settembre a dicembre 2020, è stimato intorno ai 18 milioni di euro.

Secondo l’assessore regionale alla Sanità Icardi, si tratta di un’azione di indubbia equità nell’accesso alle cure, che riporta tutte le Regioni sullo stesso piano, eliminando le sperequazioni che si erano create nella diversa applicazione regionale della norma (in Piemonte il superticket era applicato in rapporto al valore economico della singola ricetta), oltre che andando nella giusta direzione di avvicinare sempre di più la sanità pubblica al cittadino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Novara, tragedia al centro commerciale: si sente male e muore alle casse dell'Ipercoop

  • Coronavirus, fino a quando il Piemonte sarà in zona arancione?

  • Amazon, a Novara il nuovo centro di distribuzione: sarà operativo dall'autunno

  • Alpe Devero, trovati morti i due sci alpinisti dispersi da ieri

  • Maxi rissa ad Arona, decine di giovani si picchiano in strada

  • San Gaudenzio in zona arancione, centri commerciali e mercati chiusi da giovedì 21

Torna su
NovaraToday è in caricamento