Giovedì, 24 Giugno 2021
Salute

Coronavirus, continuano i vaccini anti-covid: in Piemonte altre 20mila dosi

Intanto parte la campagna per vaccinare medici di base e pediatri

L'arrivo dei vaccini a Novara il 27 dicembre

Continuano le vaccinazioni contro il covid in Piemonte e arrivano altre 20mila dosi

Procede regolarmente la vaccinazione del personale sanitario: in totale sono 195.000 le persone interessate nella prima fase, 120 mila personale delle Aziende Sanitarie ed il restante dipendenti ed ospiti delle Rsa. Nella giornata di martedì 5 sono state vaccinate altre 4.408 persone. In totale, come comunica l'Unità di Crisi, sono state somministrate in Piemonte 22.203 dosi, pari al 54,3% delle 40.885 della prima fornitura. 

Nel frattempo, martedì l'azienda produttrice ha recapitato sul territorio piemontese parte della seconda fornitura, ovvero 20.000 dosi. Le restanti 20.000, per ragioni logistiche di Pfizer, saranno consegnate giovedì 7 gennaio.  Il 6 gennaio nelle Asl del Piemonte si svolgerà una sessione speciale di vaccinazioni dedicata ai medici di medicina generale ed ai pediatri di libera scelta. "E' un grosso passo avanti per i medici di medicina generale e per i pediatri di libera scelta ed un segnale davvero importante per i loro assistiti. La vaccinazione è fondamentale per vincere la battaglia contro il Covid e l'adesione da parte del personale sanitario e nello specifico dei medici e dei pediatri, che sono a contatto quotidiano e diretto con la popolazione, rappresenta un significativo atto di responsabilità e di attenzione che merita di essere evidenziato"- dichiara Antonio Rinaudo, Commissario dell'Area Giuridico-Amministrativa dell'Unità di Crisi.

"L'arrivo dei vaccini apre una stagione nuova e favorevole nella lotta contro questa devastante pandemia. Mettere da subito in sicurezza tutto il personale sanitario è un imperativo. I Medici di Medicina Generale (MMG) sono da sempre il primo contatto dei cittadini per i problemi di salute. Garantire studi medici Covid-free è doveroso. Vaccinarsi ci permetterà di continuare a svolgere il nostro ruolo con maggior sicurezza per tutti"- sottolineano Roberto Venesia (Fimmg), Antonio Barillà (Smi) e Mauro Grosso Ciponte (Snami), rappresentanti delle organizzazioni sindacali dei medici di famiglia. "Siamo soddisfatti di questa iniziativa, volta a tutelare una categoria che ha un ruolo di estrema importanza nel sistema sanitario come i medici di famiglia. Contiamo che al più presto si sblocchi la possibilità di vaccinarsi anche per gli odontoiatri e i medici liberi professionisti, per la cui attuazione stiamo lavorando in questi giorni insieme alla Regione"- sottolinea il presidente dell'Ordine dei Medici di Torino, Guido Giustetto, anche a nome degli altri Presidenti degli Ordini provinciali del Piemonte.

Il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, e l'assessore alla Sanità, Luigi Icardi, hanno scritto ai presidenti degli Ordini professionali (Medici e Odontoiatri, Farmacisti, Veterinari, Biologi, Chimici e Fisici, Psicologi, Professione Ostetrica (FNOPO), Professione Infermieristica (FNOPI), Tecnici sanitari di radiologia medica, Professioni sanitarie tecniche della riabilitazione e della prevenzione) per estendere la vaccinazione anche ai professionisti che operano privatamente. Gli Ordini raccoglieranno le adesioni e le trasmetteranno alla Regione che, dopo aver individuato il percorso, programmerà gli accessi. "Riteniamo sia fondamentale estendere la vaccinazione anche ai professionisti che operano privatamente, oltre al personale che lavora alle dipendenze del servizio sanitario regionale: più la vaccinazione è diffusa, maggiori sono i risultati che otterremo in termini di protezione della popolazione." - dichiara l'assessore alla Sanità, Luigi Icardi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, continuano i vaccini anti-covid: in Piemonte altre 20mila dosi

NovaraToday è in caricamento