rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Ristrutturare

In giardino o in terrazzo: la guida completa per costruire un gazebo in legno

I gazebo riescono ad arredare con stile il giardino, per gli amanti del fai da te ecco una serie di consigli per costruirne uno

Elegante, funzionale e in grado di regalare la giusta privacy, il gazebo è un elemento del giardino spesso sottovalutato, ma che regala all’esterno un aspetto molto più accattivante. Inoltre, se coibentato o fornito di finestre può essere utilizzato tutto l’anno.

Esistono varie tipologie e forme di gazebo, ma la differenza la fa il materiale con cui viene costruito: il ferro e l’acciaio sono pratici e resistenti, il legno, però, è la soluzione ideale per rendere il giardino elegante e raffinato.

Se siete amanti del fai da te e questa estate avete deciso di arricchire il giardino con un gazebo in cui rifugiarvi per avere il meritato riposo, costruirlo da soli è più semplice di quello che pensate, ma soprattutto avrete la soddisfazione di averlo realizzato home made.

Realizzare il progetto

Quadrato, tondo o rettangolare: le forme dei gazebo sono diverse quindi prima di iniziare i lavori, dovete scegliere quella che si adatta maggiormente allo spazio a disposizione e realizzare il progetto. Questa fase è importante perché se avete un budget stabilito e spazi ben precisi vi permette di calcolare le misure del perimetro e il costo complessivo così da non sforare.

Preparare il terreno

Con le idee chiare e un progetto realizzato nel dettaglio, potete dare il via alla realizzazione del gazebo. La prima fase è quella più importante perché interessa la preparazione del terreno che dovrà essere pianeggiante e compatto per dare stabilità alla struttura. Se non risponde a questi requisiti, dovete provvede a metterlo in piano.

Gettare le fondamenta e realizzare il pavimento

A questo punto è arrivato il momento di dare il via alla vera e propria realizzazione del gazebo, partendo ovviamente dalle fondamenta. La prima operazione è quella di scavare quattro o più buche, a seconda della forma della struttura, facendo attenzione a posizionarli in modo equidistante: serviranno per inserire i pali di legno su cui reggerà l’intera struttura. All’interno degli alloggiamenti vanno inseriti dei pozzetti in cemento vibrato che dovranno essere centrati e livellati. A questo punto bisogna posizionare i pali e versare all’interno delle buche il calcestruzzo.

Dopo aver fatto riposare il cemento per almeno una notte, dovete montare il pavimento. In commercio ci sono kit già pronti o listelli di legno già tagliati a misura pensati per rendere il lavoro più semplice. I metodi per costruire i pavimenti sono diversi, il più utilizzato è quello a incastro: le assi devono essere appunto incastrate tra di loro e per renderle più resistenti potete aggiungere del mastice. In alternativa vanno bene anche le viti che ancorano le assi al terreno, l’importante è che riesca a resistere al tempo e all’usura.

Montare le staccionate

Una volta realizzato il pavimento, il gazebo poco alla volta inizia a prendere forma e le staccionate sono immancabili. Se siete abili con la lavorazione del legno potete realizzarle da soli altrimenti in commercio esistono quelle prefabbricate di forme e dimensioni differenti. Quest’ultima è la scelta migliore perché vi farà risparmiare tempo e fatica, inoltre, sono facili da montare. Solitamente vengono fissate ai pali della struttura e al pavimento attraverso fasce di metallo o cerniere. Di solito si dovranno montare tre cerniere (una in basso, una in alto e una al centro) sui pali, mentre quattro (due per ogni lato) sul pavimento.

Montare il tetto

Il tetto è la parte del gazebo più importante e in un certo senso difficile da realizzare, quindi meglio ricorrere a quello prefabbricato. Anche se molto dipende dalla forma del tetto, la prima cosa da fare è montare i supporti, questi possono essere curvi e coprire tutto il diametro del tetto oppure semplicemente dei pali, da fissare sullo scheletro del gazebo e poi tutti insieme al centro della struttura. In entrambi i casi per fermarli dovete utilizzare fasce e cerniere.

Una volta che i pali saranno stati montati e bloccati sia sulla struttura che al centro, dovete applicare una guaina leggera e i pannelli del rivestimento. Questi potranno essere sistemati sovrapposti (in parte) l’uno all’altro e fermati con delle apposite viti.

Arredare il gazebo

La struttura è ormai completata, non resta che arredarla inserendo all’interno un divanettosedie, tavoli e comodi cuscini per rilassarsi con gli amici o leggere un bel libro. Se volete dargli un tocco in più, potete completarlo con fiori freschi e lucine a batteria così da utilizzarlo anche di sera e avere un’atmosfera raccolta.

Prodotti online

Gazebo da giardino 3x3

Gazebo da giardino 4x3

Pergolato da giardino

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In giardino o in terrazzo: la guida completa per costruire un gazebo in legno

NovaraToday è in caricamento