Maltempo su novarese e Vco con forti temporali: rami caduti, frane e strade chiuse

L’allerta meteo continua fino a domenica

Repertorio

Il maltempo si è abbattuto nelle ultime ore sul novarese e sul Vco.

Nel pomeriggio di ieri, venerdì 28 agosto, le prime forti piogge hanno colpito la provincia di Verbania, provocando uno smottamento a Oggebbio che, oltre a numerosi danni, ha obbligato alla chiusura della statale 34. A Baveno un grosso albero si è abbattutto sulla provinciale: i vigili del fuoco hanno lavorato per ore per la rimozione del tronco. Chiusa, in via precauzionale, anche la statale 659 che porta alle Cascate del Toce da Formazza. 

Nel novarese invece le forti piogge sono arrivate nella notte: nella zona nord della città intorno alle 6 c'è stata una grandinata. Diversi rami sono caduti nel territorio di Tornaco, in frazione Vignarello, dove i vigili del fuoco sono intervenuti anche per la messa in sicurezza di un cavo della linea elettrica che ha provocato fiamme. Sempre a Vignarello numerosi pali delle linee telefoniche sono caduti e un tendone è stato sradicato.Un altro intervento dei pompieri è stato a Galliate, nella zona del Ticino, sempre per danni provocati dal maltempo ad alcuni edifici, mentre i tecnici dell'Enel sono al lavoro in diverse zone del novarese per guasti alle linee elettriche. 

Secondo le previsioni di Arpa l'allerta meteo peggiorerà nella giornata di oggi, passando da gialla ad arancione nella zona del Lago Maggiore e nel Vco. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Novara, aereo vola basso sulla città: ecco il perchè

  • Coronavirus, da domenica il Piemonte è zona arancione: cosa è consentito fare

  • Incidente sul lavoro a Novara: morto un operaio di 36 anni

  • Coronavirus, Cirio: "Per l'1 o il 3 dicembre il Piemonte sarà in zona arancione"

  • Bambino di 4 anni colpito al volto dal calcio di un cavallo

  • Nuovo Dpcm Natale 2020: le regole allo studio per pranzi, cene e parenti

Torna su
NovaraToday è in caricamento