Cerano, rifiuti abbandonati vicino alla ex Coop: multato un milanese

Il fatto risale allo scorso 25 ottobre. L'uomo è stato individuato dalla polizia locale

Aveva abbandonato una grande quantità di rifiuti vicino alla ex Coop di Cerano. Individuato dai vigili dopo una serie di indagini, è stato multato.

Il fatto risale allo scorso 15 ottobre, i rifiuti erano stati scoperti dalla polizia locale in seguito ad una segnalazione. A finire nei guai, un uomo residente a Cornaredo, nel milanese, che è stato sanzionato dai vigili.

Le indagini della municipale, come spiega il vice sindaco Alessandro Albanese, avevano in un primo momento "condotto ad un cittadino attualmente residente nel comune di Trezzano sul Naviglio. La persona in questione dopo essere stata sentita dichiarava, pur risultando il proprietario del materiale scaricato sul nostro territorio, di non avere responsabilità diretta ma forniva elementi utili a risalire al protagonista dell'illecito".

Gli agenti della polizia locale sono così riusciti a rintracciare il responsabile dell'abbandono dei rifiuti, un uomo residente nel comune di Cornaredo, che "non poteva che ammettere di essere responsabile dello scarico abusivo - ha spiegato ancora il vice sindaco - e provvedeva al ripristino dello stato dei luoghi, quindi alla rimozione dei rifiuti, come previsto dalla normativa; oltre a ciò l'uomo è stato convocato ufficialmente presso il comando di polizia locale dove verranno messe a verbale le sue dichiarazioni e sarà emessa nei suoi confronti una sanzione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, da domenica il Piemonte è zona arancione: cosa è consentito fare

  • Novara, aereo vola basso sulla città: ecco il perchè

  • Incidente sul lavoro a Novara: morto un operaio di 36 anni

  • Coronavirus, decreto per Natale: no agli spostamenti tra comuni e regioni per le feste

  • Bambino di 4 anni colpito al volto dal calcio di un cavallo

  • Dpcm del 3 dicembre, le nuove regole per Natale 2020: cosa cambia a Novara

Torna su
NovaraToday è in caricamento