Nuova vita per l'ex ambulatorio di piazza Donatello

Molti i servizi e attività proposte: dall’assistenza legale per disabili ai laboratori psico-educativi per ragazzi e adolescenti, passando per i servizi di patronato e gli sportelli di ascolto per cittadini stranieri e inquilini delle case popolari

Sabato prossimo, 6 febbraio, il prefetto di Novara, Francesco Paolo Castaldo, farà visita ai locali dell’ex ambulatorio di piazza Donatello, che ha trovato una nuova vita grazie alla prima sperimentazione di Democrazia Deliberativa attuata a Novara. Da edificio abbandonato a sede di attività di servizio, come laboratori per ragazzi, sportelli informativi e corsi di lingua.

É questa la bella storia della struttura, un tempo consultorio della Asl e ora prima realizzazione concreta di un metodo di partecipazione dal basso che la Onlus Territorio e Cultura sta proponendo da quasi tre anni in città.

A rendere possibile il recupero è stato il programma “RiESCo” (Riattivare Energie per gli Spazi Comuni), nato dal confronto tra i residenti secondo i metodi della Democrazia Deliberativa. I cittadini di Rizzottaglia, Villaggio Dalmazia e Bicocca, chiamati ad individuare un obiettivo per la zona Sud di Novara, avevano infatti proposto di riutilizzare la struttura di piazza Donatello, lasciata a se stessa da 15 anni ma ancora riconosciuta come punto di riferimento non solo per i servizi che erogava ma anche come luogo di aggregazione e di relazioni. L’idea si è concretizzata grazie alla buona volontà di privati cittadini e associazioni (Territorio e Cultura Onlus; Croce Rossa Italiana - Novara; Associazione Cittadini del Quartiere Sud Novara; Noi del 4° Circolo; Centro Sportivo Italiano – Polisportiva Rizzottaglia; Centro di Solidarietà San Francesco alla Rizzottaglia, Movimento Cristiano Lavoratori) che si sono occupati del recupero sotto ogni aspetto, da quello progettuale, alle più pratiche, ma davvero necessarie, pulizie.

I locali sono stati arredati e attrezzati grazie soprattutto a donazioni fatte da enti e organizzazioni e, soprattutto, il centro ha cominciato un’intensa attività. Da gennaio la struttura è aperta tutti i giorni (domenica compresa) con un considerevole numero di volontari e professionisti coinvolti, nonché una buona varietà di servizi e attività proposte, che vanno dall’assistenza legale per disabili ai laboratori psico-educativi per ragazzi e adolescenti, passando per i servizi di patronato e gli sportelli di ascolto per cittadini stranieri e inquilini delle case popolari; una varietà che aumenterà nelle prossime settimane. Inoltre, sono in corso i lavori di adeguamento della struttura per ospitare un ambulatorio infermieristico, il cui servizio sarà curato dal Comitato locale della Croce Rossa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gite fuori porta: tre luoghi da non perdere a due passi da Novara

  • "Fase" 2 | Sì a sport, passeggiate e montagna: tutte le regole in Piemonte

  • Novara, bonus bici confermato: come fare richiesta per ottenere fino a 500 euro per biciclette e mezzi elettrici

  • Coronavirus, chiuso il reparto Covid dell'ospedale di Novara

  • Coronavirus, in Piemonte mascherine obbligatorie nei centri commerciali (anche all'aperto) e bar chiusi entro l'una

  • Cornavirus, primo sabato sera di apertura di bar e ristoranti a Novara

Torna su
NovaraToday è in caricamento