Cronaca Borgomanero

Una casa per senzatetto a Borgomanero, si cercano volontari

Un'iziativa promossa da diverse realtà associative locali. L'appartamento aprirà nei prossimi giorni in via Marconi

Aprirà nei prossimi giorni in via Marconi a Borgomanero un appartamento in grado di ospitare fino a sei senzatetto. Giusto il tempo di sistemare gli arredi, cercare i mobili che mancano e stipulare i contratti delle utenze, e poi si potrà partire.

L'iniziativa è stata promossa da alcune associazioni e realtà del borgomanerese, tra cui Mamre, Compagni di volo, le Parrocchie del Vicariato, la Caritas, Officina 32, Terra di tutti, i comboniani di Gozzano e Spazio ViGi.

"Questo appartamento - ha spiegato il presidente di 'Compagni di volo' Sergio Vercelli - rappresenta­ uno spazio sicuro, un luogo affettivamente caldo dove le persone si sentiranno accolte e rispettate, e dove potranno riflettere, insieme agli operatori e ai volontari, su alcuni passaggi del proprio percorso di vita".

Intanto, si cercano volontari.

"Invitiamo principalmente gli uomini a rendersi disponibili per le notti - ha commentato il presidente di Mamre Mario Metti - ma tutti i contributi sono importanti e graditi. Non è fondamentale possedere particolari competenze. Alla base della gestione della struttura desideriamo che ci sia uno 'spirito di servizio' che appartiene a tutti, e che porta a vedere il volontariato nella casa di accoglienza come una scelta significativa di dono e di gratuità. Basta avere qualche ora di tempo libero durante la settimana e l'intenzione di farsi prossimo a chi ha più bisogno".

Due le fasce orarie in cui il volontario potrà prendere servizio; ad ognuna corrisponderà un determinato compito. Il turno della sera, dalle 18 alle 21, contemplerà l'accoglienza, l'affiancamento nella somministrazione della cena, il riordino e la compagnia. Quello della notte, dalle 21 alle 8 del mattino successivo, prevederà invece, oltre alla compagnia, la sorveglianza notturna e la colazione. Per i volontari è prevista un'adeguata formazione su coloro che sono senza dimora, sul modo corretto di approcciare e aiutare queste persone, sull'organizzazione pratica della casa, sul ruolo dei volontari, sulle motivazioni personali, e sulle esperienze di accoglienza.

"Madre Teresa di Calcutta - ha aggiunto Vercelli ­ - diceva che 'non possiamo fare sempre cose grandi nella vita, ma possiamo fare piccole cose con grande amore'. Noi speriamo che Borgomanero e gli altri paesi della zona riescano a rispondere, nella misura che è loro possibile, alle necessità di chi vive in strada. Consideriamo questa casa un luogo di accoglienza, una porta aperta verso altre opportunità, e un'occasione d'inclusione sociale. Cosa che non sarebbe altrimenti possibile se non si avvierà questa struttura".

"Sono decisamente più numerosi di quanto si è normalmente portati a pensare coloro che non hanno nemmeno un tetto sotto il quale scaldarsi e riposarsi. Sono davvero tanti - ha sottolineato Metti - quelli che vivono in fabbricati dismessi o abbandonati sul territorio, in luoghi non adeguati a garantire un riparo, o in auto".

Chi è interessato a dare una mano o a partecipare come volontario al progetto, non deve far altro che contattare le associazioni promotrici, o direttamente Sergio Vercelli (328.4677788), Mario Metti (339.1321996), Debora Giromini (335.1344474) e Gaia Bacchetta (333.1241199).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una casa per senzatetto a Borgomanero, si cercano volontari
NovaraToday è in caricamento