Cronaca Ghemme

Rifiuti: nei guai la società che gestisce la discarica di Ghemme

Arrestati il presidente del Cda della Unendo e l'amministratore unico della Daneco (controllata dal gruppo Unendo Spa), che è a capo delle operazioni di chiusura delle discarica novarese

Arresti in Daneco, la società che ha in gestione le operazioni di chiusura della discarica di Ghemme.

A finire in manette, il presidente del Cda della Unendo, Francesco Colucci, e l'amministratore unico della Daneco Impianti (controllata proprio da Unendo Spa), Bernardo Filipponi. Proprio la Daneco, nel 2010, aveva tentato di portare a Ghemme rifiuti pericolosi provenienti dalla bonifica del polo chimico di Pioltello (ex Sisas).

L'inchiesta, coordinata dalla Procura della Repubblica e dalla Direzione distrettuale antimafia di Milano, ha portato anche all'arresto del funzionario del Ministero dell'Ambiente Luigi Pelaggi, di Claudio Tedesi, ingegnere ambientale e tecnico allora del commissario delegato alla bonifica, e dei due responsabili della direzione dei lavori, Fausto Melli e Luciano Capobianco, ambedue legati alla Sogesid (spa del ministero dell’Ambiente).

L’indagine sulla bonifica del sito di interesse nazionale Pioltello/Rodano, durata oltre due anni, ha evidenziato varie condotte illecite: dalla truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, alla corruzione, alle attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti, in ordine alla aggiudicazione dell’appalto per l’esecuzione dei lavori di bonifica del sito ed allo smaltimento dei rifiuti in siti di proprietà, previa fraudolenta declassificazione degli stessi da pericolosi a non pericolosi, con l’ottenimento di ingiusti profitti.

(Da MilanoToday)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti: nei guai la società che gestisce la discarica di Ghemme

NovaraToday è in caricamento