menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Presa la "Banda degli autogrill": rubavano valigie e borse dalle auto in sosta

Il malviventi agivano su molte autostrade del nord. La loro tecnica

Un momento di distrazione, il complice attrae l'attenzione dell'occupante dell'auto e il gioco è fatto. Così agiva la banda di ladri-truffatori che ha compiuto numerosi furti negli autogrill del nord Italia.

Il sistema

Il gruppo puntava un'auto ferma all'area di sosta, generalmente straniera e di lusso, e poi scattava la messa in scena: uno dei malviventi distraeva gli occupanti, mentre un altro sottraeva borse e valige. Il terzo invece era pronto al volante per la fuga. Anche nel caso in cui gli ignari automobilisti si fossero allontanati non c'era problema: bastava mettersi vicino all'auto e attendere che il proprietario, allontanandosi, chiudesse le portiere con il telecomando. Tenendo sollevata la maniglia la macchina rimaneva aperta, anche se l'automobilista era convinto di averla chiusa. La banda ha continuato a mettere a segno decine di colpi, fino a che la polizia stradale, dopo un lungo e complicato lavoro d'indagine, non è riuscita a risalire ai veicoli utilizzati, sempre auto prese a noleggio. 

L'arresto

Il 21 agosto i malviventi hanno agito all'autogrill di Novara sulla A4: gli agenti della stazione di Novara est si sono messi immediatamente sulle loro tracce. L'Opel Insignia station wagon è stata rintracciata a Milano, in un albergo vicino alla stazione centrale. La banda è stata quindi pedinata fino al giorno successivo, quando ha imboccato l'A7 per colpire all'autogrill di Novi Ligure. I tre hanno atteso che due milanesi lasciassero la loro Mercedes nel parcheggio per andare a bere un caffè e hanno usato il trucco della maniglia per non far chiudere le portiere e rubare le borse in auto. Il tentato furto però è avvenuto sotto gli occhi dei poliziotti in borghese, che hanno arrestato i ladri in flagranza di reato. S.A., nato in Grecia nel 1988, T.Z. e T.I. nati entrambi in Georgia rispettivamente nel 1981 e nel 1985, sono stati fermati. Per tutti e tre è stata disposta la custodia cautelare in carcere. I furti a loro contestati sono avvenuti nelle aree di servizio di Turchino, Stura, Sesia e Risaie sull'autostrada A26, Dorno e Castelnuovo Scrivia sull'autostrada A7 e Novara e Villarboit sull'autostrada A4. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, a Novara apre un nuovo centro vaccinale

Attualità

Coronavirus, da oggi Novara e il Piemonte in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento