Cronaca

Gozzano, il caso Bemberg finisce a Striscia la Notizia

Nell'enorme complesso industriale dismesso sono ancora presenti amianto, ammoniaca e acido solforico. I costi per la bonifica superano i 17 milioni di euro

La Bemberg di Gozzano torna, tristemente, agli onori di cronaca con un servizio del tg satirico di Canale 5 Striscia la Notizia.

L'inviato Luca Galtieri si è recato nel paese novarese per raccontare la situazione in cui versa lo stabilimento, ormai abbandonato, che per anni è stato uno dei maggiori produttori mondiali di filati sintetici.

L'azienda è fallita alcuni anni fa: da allora sono state fatte tre aste per vendere la proprietà, che però sono andate deserte. Nella prima la cifra era fissata a 7 milioni e 300mila euro, succesivamente abbassata a 3 milioni a 123mila euro e poi a 2 milioni e 342mila euro. Il problema però non è il prezzo dell'asta, ma i costi di bonifica, che sono stimati introno ai 17 milioni e mezzo di euro.

All'interno dell'azienda infatti si trovano ancora numerosissime sostanze inquinanti, dall'ammoniaca all'acido solforico, senza contare l'enorme quantità di amianto che riveste i capannoni. 

Il 29 dicembre ci sarà una nuova asta pubblica, con prezzo fissato a un milione e 317 mila euro. Se dovesse andare di nuovo deserta il rischio è che la struttura venga abbandonata e che poi ricada sul Comune di Gozzano. Per questo il sindaco Carla Biscuola ha lanciato un appello al Ministro dell'ambiente Gian Luca Galletti perchè intervenga per risolvere la situazione. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gozzano, il caso Bemberg finisce a Striscia la Notizia

NovaraToday è in caricamento