Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Cantieri di lavoro: nuovi posti per i disoccupati novaresi

Grazie al contributo di 50mila euro da parte della Fondazione Banca Popolare per il territorio passeranno da 20 a 26 le persone che potranno essere impiegate in interventi di pulizia della città

Nuove risorse economiche e nuovi posti di lavoro per i disoccupati. Grazie al contributo di 50mila euro da parte della Fondazione Banca Popolare per il territorio aumentano i novaresi che potranno essere impiegati nei cantieri di lavoro. 

Il progetto "Vesta" per disoccupati di lunga data, che permette una ricollocazione lavorativa di persone che versano in una condizione economica difficile, è stato ulteriormente rafforzato.

"L'obiettivo - ha precisato il sindaco Alessandro Canlli - è quello di allargare la capacità economica del progetto per poter aiutare più persone. Non solo, prossimamente saranno coinvolti anche altri Enti, come Atc e Sun".

E grazie alla Fondazione Bpn passeranno da 20 a 26 le persone che potranno essere impiegate in interventi di pulizia della città. "Speriamo che il contributo della Fondazione - ha commentato il presidente Franco Zanetta - sia un esempio che possa essere seguito anche da altri".

Il progetto "Vesta" costa al Comune 166mila euro, dei quali 75mila erogati dalla Regione Piemonte. Al momento questo finanziamento ha consentito, previa selezione avvenuta su trecento richiedenti, l’inserimento lavorativo annuale, per cinque ore al giorno per cinque giorni alla settimana, di 20 lavoratori. I cantieri di lavoro vengono realizzati grazie alla collaborazione tra i servizi sociali del Comune e Assa; i "cantieristi" vengono impiegati in iniziative di recupero delle aree urbane degradate, manutenzione e ripristino di aree verdi, cura e manutenzione di spazi pubblici e decoro urbano. In accordo con Atc Piemonte Nord saranno prossimamente effettuati anche interventi di riqualificazione di alcuni alloggi di proprietà comunale per poterli nuovamente assegnare.

Nei cantieri di lavoro possono essere impiegati i cittadini già seguiti dai servizi sociali del Comune. Per essere ammessi i candidati dovranno essere residenti nel comune di Novara almeno dal 1° gennaio 2015, essere nati tra il 1951 ed il 1971, essere inoccupati o disoccupati in cerca di occupazione come risultante dal Centro per l’Impiego, avere una dichiarazione Isee relativa al 2014 con redditi percepiti inferiori a 6186 euro, essere in possesso (per i cittadini non comunitari) di permesso di soggiorno in corso di validità, o ancora essere lavoratrici/lavoratori ultracinquantenni inseriti in un percorso di accompagnamento alla pensione (in questo caso con Isee 2014 non superiore a 15 mila euro).

Non potranno partecipare al progetto coloro che hanno già partecipato in passato a cantieri di lavoro, ma è prevista una deroga per coloro a cui mancano meno di due anni alla pensione. Una quota dei posti disponibili sarà inoltre riservata a soggetti invalidi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cantieri di lavoro: nuovi posti per i disoccupati novaresi

NovaraToday è in caricamento