Cameri, chiuso il centro estivo: "C'è un operatore positivo al covid"

Negativi al tampone gli altri educatori

Il centro estivo di Cameri è stato chiuso in via precauzionale dopo che un educatore è risultato positivo al tampone.

"Come Amministrazione Comunale, a scopo precauzionale, dopo esserci confrontati con ASL e in accordo con la cooperativa Elios che ha gestito il nostro centro estivo presso l'area dell'oratorio femminile - spiega il sindaco Giuliano Pacileo - abbiamo deciso di chiudere anticipatamente il centro a partire dal 4 agosto, comunicandolo  immediatamente alle famiglie e spiegando loro, verbalmente e via mail, quanto accaduto".

"La decisione si è resa necessaria perché un operatore, regolarmente "tamponato" con esito negativo, e che ha operato al centro estivo, sostituendo un collega nei giorni 20, 21 e 28 luglio, in data 29, in altro luogo di lavoro non al centro estivo, è entrato in contatto con un soggetto risultato successivamente positivo al covid.  A quel punto l'operatore ha deciso spontaneamente e responsabilmente di sottoporsi al tampone e da controllo effettuato è risultato purtroppo positivo con esito il 3 agosto. Dopo il 29 luglio, pur non avendo più operato presso il nostro centro estivo, ha avuto però contatti in orario extra lavorativo con sette operatori attualmente impegnati nel nostro centro. Da qui la nostra decisione di procedere prudenzialmente con la chiusura anticipata del centro estivo che  sarebbe invece terminato il 7 agosto e quindi di far sottoporre gli operatori a nuovo tampone. Nella giornata di mercoledì 5 agosto sono arrivati i risultati dei tamponi, dove tutti gli operatori sono risultati negativi.
Ricordiamo che tutti gli educatori che hanno lavorato presso il nostro centro estivo sono sempre stati sottoposti a tampone anche se questo non era obbligatorio".

"C'è dispiaciuto chiudere anticipatamente il centro estivo che tanto successo ha riscosso - conclude Pacileo - offrendo un servizio importante alle famiglie, ma riteniamo che sia stata la scelta più corretta, a tutela di tutti in particolare dei bambini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

  • Coronavirus, il Piemonte resta in zona rossa: prorogate al 3 dicembre tutte le misure di contenimento

  • Coronavirus: +2641 casi in Piemonte, a Novara ricoveri in risalita

  • Coronavirus, all'ospedale di Novara 238 ricoverati e 5 decessi

  • Ahmadreza Djalali, si avvicina la pena di morte per il ricercatore novarese detenuto in Iran

  • Coronavirus, ancora 7 decessi negli ospedali di Novara e Borgomanero

Torna su
NovaraToday è in caricamento