Cronaca

Che fine ha fatto il bassorilievo di piazza Martiri?

Circa tre anni fa il bassorilievo sul piedistallo della statua di Vittorio Emanuele si è staccato, ferendo una donna. La lastra non potrà essere ricollocata fino alla chiusura dell'indagine

Molti ricorderanno la data del 1 luglio 2012 con amarezza: quella sera l'Italia di Prandelli veniva sconfitta dalla Spagna nella finale degli Europei con un secco 4 a 0. Ma sicuramente almeno una persona la ricorderà per un altro motivo: il distacco del bassorilievo dalla statua di Vittorio Emanuele in piazza Martiri.

Nella centralissima piazza si erano riunite centinaia di persone per guardare la partita sul maxischermo. Alcuni ragazzi si erano arrampicati sulla statua equestre del baffuto re d'Italia per poter avere una visuale migliore. Forse proprio a causa del peso uno dei bassorilievi in marmo è crollato, colpendo una sfortunata 34enne di Vigevano che stava guardando la partita. 

Diverse le lesioni riportate dalla donna, che è stata immediatamente ricoverata all'Ospedale Maggiore della Carità di Novara.

Ora, a distanza di più di due anni, il bassorilievo non è ancora stato collocato e il piedistallo della statua rimane orfano di uno dei suoi elementi decorativi. Il motivo? A quanto pare le indagini sono ancora in corso, quindi non è possibile restaurare e riposizionare la lastra perchè è una "prova" dei fatti avvenuti.

La speranza è che le indagini vengano concluse al più presto e che le transenne vengano tolte una volta per tutte, per riportare la piazza al suo splendore originario.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Che fine ha fatto il bassorilievo di piazza Martiri?

NovaraToday è in caricamento