rotate-mobile
Cronaca

Asili, genitori con il ciuccio contro la chiusura. Il sindaco: "Non chiude nessun nido"

La questione della possibile chiusura di due nidi, messa in luce dal sindacato, è stata portata in Consiglio dalla minoranza del Pd. Canelli ha però chiarito che nessun bambino e nessun educatore perderà il posto

Asili nido a rischio chiusura a Novara? Nei giorni scorsi in città si è diffusa la notizia che due strutture comunali rischierebbero di essere chiuse. Notizia che, secondo il sindacato, sarebbe trapelata da una riunione dello scorso ottobre, dove il dirigente del Servizio asili nido avrebbe informato della eventuale chiusura di due nidi cittadini, il Balconi e l'Arcobaleno.

La questione è stata portata alla luce dalla Fp Cgil e ieri è approdata in Consiglio comunale, dove alcuni genitori, educatori e sindacalisti si sono presentati con un ciuccio in bocca per avere chiarimenti dall'amministrazione. 

Chiarimenti che sono arrivati proprio dal sindaco Alessandro Canelli, che a inizio seduta ha voluto spiegare la situazione, con disappunto della minoranza del Partito Democratico che sulla vicenda aveva presentato una mozione urgente con cui si chiedeva un impegno chiaro da parte dell'amministrazione a tutela dell'offerta formativa nella fascia 0-3 anni. Mozione che è stata accettata e poi discussa nel pomeriggio, ma non votata.

"Dire che chiudono due asili nido - ha detto il primo cittadino Canelli - significa dire che diminuisce il livello quantitativo del servizio. Ma non è così. Alcuni asili della città hanno un numero di bambini minore rispetto alla capienza prevista, tra questi ci sono l'asilo Balconi, il Girotondo, l'Arcobaleno e il micronido Coriandolo. L'ipotesi che l'amministrazione sta valutando non è quella di chiudere asili, ma quella di spostare 11 bambini dall'asilo Balconi al Girotondo per riempire quest'ultimo e poter effettuare interventi urgenti di manutenzione al Balconi. Il micronido Coriandolo, invece, ha 6 bambini, su 24 posti disponibili; in questo caso l'intenzione del Comune è quella di trasferire i bambini al nido Arcobaleno con l'istituzione di una sezione 'Lattanti', liberando lo spazio del micronido che ci consentirà di rafforzare le attività del Centro per le famiglie".

"I numeri non cambiano - ha chiosato il sindaco - quindi non si chiude nessun asilo". Anzi, la volontà dell'amministrazione è quella di intervenire via via su tutti gli asili, con interventi di messa in sicurezza e manutenzione, per migliorare la qualità del servizio.

"Una riorganizzazione - ha specificato l'assessore Silvana Moscatelli - che porterà in tempi graduali ad un aumento di posti disponibili". Una scelta economica, invece, per i consiglieri democratici, che andrà inevitabilmente a diminuire il numero totale dei posti disponibili.

Una spiegazione che non ha però pienamente convinto i sindacati: "Ci aspettiamo, visto che il sindaco ha dichiarato di riconoscere le ragioni del sindacato, che ci convochi una buona volta e si possa affrontare il merito delle questioni, anche dal punto di vista delle ricadute occupazionali, che purtroppo ci saranno - ha commentato Guido Catoggio di Fp Cgil -. L'impressione è che all'amminnistrazione davvero serva un tempo supplementare per riflettere bene sulla questione; tempo che adesso stringe, dato l'approssimarsi delle iscrizioni per il nuovo anno. Peccato che non abbiano ascoltato le nostre numerose sollecitazioni ad affrontarla per tempo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asili, genitori con il ciuccio contro la chiusura. Il sindaco: "Non chiude nessun nido"

NovaraToday è in caricamento