Domenica, 21 Luglio 2024
Cronaca

Cimitero, avvisi di fine concessione sulle lapidi: scatta la polemica

I fogli sono stati affissi sulle lapidi proprio a pochi giorni dalla ricorrenza del 2 novembre. NoixNovara solleva la polemica, il Comune risponde che si tratta di una prassi normalissima

"Sarebbe bastato informarsi prima di imbastire una polemica finalizzata a raccattare un po' di voti" spiega il vice sindaco e assessore ai lavori pubblici Nicola Fonzo, a proposito della questione degli avvisi di fine concessione affissi su numerosi loculi.

A sollevare la polemica è NoixNovara, lista civica capitanata da Ivan De Grandis, che si presenterà alle prossime elezioni comunali. 

"Non bastavano i campi chiusi per mesi, non erano sufficienti i continui furti dei vasi di rame, ora l'amministrazione arriva anche ad affiggere una notifica di “sfratto”, a pochi giorni dalle due affollate giornate dedicate alla commemorazione dei defunti - commenta De Grandis - Capiamo la necessità di notificare, ma in questo modo e sopratutto in corrispondenza della commemorazione dei defunti, ci pare come girare il coltello nella piaga a tombe già  troppo penalizzate per le note vicissitudini".

Immediata la replica del Comune. "La comunicazione ai familiari dei defunti della prossima scadenza della concessione quarantennale è un gesto di sensibilità e di attenzione,  espressamente previsto dall'apposito regolamento sui cimiteri - spiega l'assessore Fonzo - È una prassi seguita da diverso tempo non solo a Novara, ma in moltissimi comuni italiani".


"Il personale dell'ufficio cimiteri - prosegue Fonzo - a cui rinnovo la mia gratitudine per l'impegno e la professionalità con cui quotidianamente gestisce questo importante servizio pubblico, ha affisso l'avviso proprio in occasione della ricorrenza dei defunti perché  in questi giorni è maggiore la frequenza con cui i familiari vanno a fare visita ai propri cari. È evidente che a distanza di 40 anni dal decesso  rintracciare i familiari non è operazione così scontata nè rapida. Informiamo perché vogliamo percorrere ogni utile tentativo per mettere a conoscenza chi di dovere. D'altra parte il testo dell'avviso esposto non ha assolutamente carattere perentorio o di intimazione, ma di comunicazione. Infatti i cittadini che si sono già rivolti all'ufficio cimiteri, dopo aver letto l'avviso, hanno compreso e apprezzato lo scopo dell'iniziativa".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cimitero, avvisi di fine concessione sulle lapidi: scatta la polemica
NovaraToday è in caricamento