Cronaca

Agguato ad Alberto Musy: operato per ematoma, è in prognosi riservata

Il consigliere comunale di Torino, docente presso l'Università del Piemonte Orientale, è stato operato alle Molinette. All'interno del suo corpo ci sono ancora due dei tre proiettili che lo hanno colpito

Alberto Musy, docente presso l'Università del Piemonte Orientale, è stato operato per un ematoma celebrale, in seguito al ferimento di questa mattina, mercoledì 21 marzo, avvenuto nei pressi della sua abitazione a Torino.

Rimasto sotto i ferri per sei ore, ora è ricoverato in prognosi riservata alle Molinette, le sue condizioni restano gravi ma non sembra essere in pericolo di vita. Due dei tre proiettili che lo hanno raggiunto sono però ancora all'interno del suo corpo: uno nella spalla destra e uno nella zona retroscapolare sinistra.

Intanto, il presidente della Regione Piemonte Roberto Cota ha dichiarato che al momento non esistono elementi che possono far pensare a un atto di matrice politica. Gli investigatori stanno prendendo in considerazione ogni pista possibile, compresa quella di un attentato di stampo terroristico, che però non sembra essere quella privilegiata dalle forze dell'ordine.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agguato ad Alberto Musy: operato per ematoma, è in prognosi riservata
NovaraToday è in caricamento