Cronaca

Contrabbando di sigarette, 2700 stecche nei bagagli: una delle basi era a Novara

L'operazione è partita dall'aeroporto di Fiumicino, dove sono stati sequestrati 5 quintali di tabacchi contabbandati

Le sigarette scoperte dalla guardia di finanza di Fiumicino

Cinque quintali di sigarette di contrabbando sequestrate e sei arresti. É questo il bilancio dell'operazione della guardia di finanza che si è svolta alle prime luci dell'alba tra Novara e Milano.

Le investigazioni sono partite dall'areoporto di Fiumicino, a Roma, e hanno portato a sei ordinanze di custodia cautelare, tre in carcere e tre ai domiciliari. Il gruppo criminale, composto principalmente da egiziani, importava illegalmente in Italia tabacchi stranieri, utilizzando come corrieri giovani, anche minori, che usavano come copertura viaggi di carattere familiare. Le sigarette venivano introdotte nel Paese nascoste nei bagali a mano o nella stiva per sfuggire ai controlli.

Le indagini, effettuate anche con l'ausilio di intercettazioni telefoniche, hanno avuto origine da alcuni sequestri sigarette effettuati presso l'aeroporto Leonardo da Vinci di Fiumicino, scalo inizialmente privilegiato dalla banda. Però, avendo "perso" numerosi carichi a seguito dei molteplici sequestri effettuati, i capi dell'organizzazione hanno poi deciso di evitare la tratta romana, tentando di forzare le maglie dei controlli presso altri scali nazionali come Milano, Torino, Venezia, Bologna e Bergamo.

>>> LE SIGARETTE DI CONTRABBANDO SEQUESTRATE <<<

In totale l'operazione ha portato a tre contrabbandieri reclusi presso le carceri di Milano e Novara, tre agli arresti domiciliari, mentre per altri sei complici il GIP ha disposto limitazioni della libertà personale. Nel corso dell’attività operativa sono state sequestrate complessivamente 2700 stecche di sigarette, per un totale di oltre 5 quintali di tabacchi, la maggior parte dei quali sequestrati a Fiumicino.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contrabbando di sigarette, 2700 stecche nei bagagli: una delle basi era a Novara

NovaraToday è in caricamento