rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Cronaca

Più controlli sul territorio: oltre 1600 negli ultimi 20 giorni

Ad effettuarli, la Polizia di Stato. L'obiettivo è contrastare diversi tipi di reato, quali furti, scippi e rapine che, come ogni anno, si ripresentano con la poca luninosità della stagione invernale

Contrasto alla criminalità da parte della Polizia di Stato: 1600 le persone controllate negli ultimi 20 giorni.

"La stagione invernale, l'accorciarsi delle giornale e la poca luminosità - spiegano dalla Polizia di Stato novarese - sono tutti incentivi, purtroppo, dell'aggravarsi delle condizioni di rischio per i reati quali furti in abitazione, scippi e rapine. La semplice pioggia notturna - spiegano - è in grado di camuffare i rumori che possono in altre condizioni risultare anomali ed allertare le potenziali vittime, così come la carenza di luminosità dovuta al maltempo o all’accorciarsi delle giornate può favorire condizioni di isolamento che possono facilitare eventuali scippi o rapine di strada".

La Polizia di Stato di Novara ha inteso opporre un’intensificazione dei servizi di prevenzione e controllo del territorio. Il controllo di oltre 1600 persone, negli ultimi venti giorni di attività, è stato possibile anche attraverso l’impiego delle pattuglie aggregate del Reparto Prevenzione Crimine di Torino. "Si tratta di Reparti - spiegano - non aventi competenza territoriale ma che vengono impiegati su disposizione direttamente del Servizio Centrale di Controllo del Territorio della Polizia di Stato in base alle richieste operative sottolineate dalle singole Questure. In particolare, oltre ai normali posti di controllo che vedono le pattuglie presidiare le principali arterie stradali della città massima attenzione è stata riservata alle zone residenziali: si tratta di quelle aree che per le caratteristiche delle abitazioni  risultano maggiormente vulnerabili. In queste aree i passaggi avvengono ad ogni ora della notte, in maniera discreta e coordinata, al fine di cogliere malfattori sul fatto e prevenire la commissione dei reati. A tale attività si è aggiunto, nelle ore diurne e serali, il presidio presso supermercati ed altri centri ad alta frequentazione, spesso oggetto di attenzione da parte di ladri e truffatori".

La realtà novarese - fanno sapere dalla Polizia - è molto tranquilla e tutt’altro che preoccupante, può tuttavia essere meglio preservata con la collaborazione della comunità cittadina e l’osservanza di piccoli accorgimenti quali: massima attenzione alla chiusura di porte e finestre; segnalazioni al 113 in merito alla presenza di rumori sospetti durante la notte, massima attenzione al bancomat quando ci si reca per effettuare un prelievo, portare sempre in dosso valori e denaro, ma non porre mai il telefono cellulare in borsa.

E per le truffe è consigliato: non aprire le porte ad estranei se si è soli in casa, diffidare di chi propone facili guadagni che in periodo di crisi come quella che viviamo; nel caso di persone che, con la scusa di riparazioni o offerte contrattuali o altro, una volta entrate in casa ci rivolgono domande sui luoghi dove teniamo soldi o valori, allertare immediatamente le Forze dell’Ordine.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più controlli sul territorio: oltre 1600 negli ultimi 20 giorni

NovaraToday è in caricamento