Trasporti, al via i controlli antievasione sui treni regionali in Piemonte

Trenitalia lancia "In treno col biglietto". Sono impegnati 50 agenti, provenienti anche da altre regioni, divisi in sei pool. Obiettivo: contrastare il fenomeno dell'evasione

Sui treni regionali del Piemonte arrivano i controlli antievasione.

E' partita infatti nei giorni scorsi la campagna "In treno col biglietto", la nuova attività di controllo promossa da Trenitalia sui treni regionali. Da lunedì sui convogli sono impegnati 50 agenti, provenienti anche da altre regioni, divisi in sei pool. 

L’obiettivo è contrastare il fenomeno dell’evasione, che comporta una diminuzione di risorse destinate al servizio ferroviario regionale.

La nuova attività, già avviata con successo nelle scorse settimane in altre regioni, diventerà di sistema e - assicurano da Trenitalia - non sarà quindi circoscritta nei limiti temporali di una campagna spot. Un pool nazionale di agenti Trenitalia, infatti, ogni settimana lavorerà in una diversa realtà regionale, affiancando un pool locale che resterà invece sempre attivo nella propria realtà. 

Complessivamente saranno circa 220 gli agenti impegnati in tutt’Italia, tra controllori e dirigenti della Divisione passeggeri regionale e personale di Protezione aziendale Trenitalia.

Ogni attività di controllo è svolta da team formati da almeno cinque agenti, specificamente professionalizzati, che si muovono insieme, in stazione e a bordo treno, per verificare il possesso e la regolarità del biglietto o dell’abbonamento. 

La contemporanea presenza di più agenti aiuta a rendere più veloci ed efficaci i controlli e serve da deterrente nei confronti di possibili reazioni aggressive.

"Il nuovo approccio - spiegano da Trenitalia - al fenomeno dell’evasione, educativo da un lato, con il lancio di messaggi positivi che invitano al rispetto delle regole, e di maggiore rigore e capillarità nei controlli, dall’altro, va a beneficio della stragrande maggioranza dei viaggiatori, che paga il biglietto e l’abbonamento, e delle Regioni, cui compete l’onere di finanziare il servizio: maggiori risorse consentono di investire di più nel miglioramento del servizio".

E' infine destinata a cambiare anche la strategia di Trenitalia nei confronti dei circa 2400 trasgressori che, negli anni, hanno collezionato più sanzioni senza mai versare nulla nelle casse della società. L'azienza è infatti pronta a denunciare l'insolvenza fraudolenta, previstra dal codice penale.
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Novara usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco "vola" con l'auto sopra una rotonda e finisce in un'aiuola davanti alla caserma dei carabinieri

  • Operazione interforze in stazione: chiuso un bar dopo il tentato omicidio, controllate 125 persone

  • Le Frecce Tricolori su Novara: il decollo da Cameri della pattuglia acrobatica

  • Incidente a Mandello, perde il controllo del suv e si incastra in un canale

  • Presa la "banda del buco", specializzata in svaligiare banche: aveva la base a Novara

  • Cosa fare in città: tutti gli appuntamenti del fine settimana del 12 e 13 ottobre

Torna su
NovaraToday è in caricamento