"Da cinque giorni aspettiamo il risultato del secondo tampone", la storia di una famiglia novarese

La famiglia, composta da quattro persone, è a casa dall'8 ottobre: prima il tampone a un figlio, poi alla figlia e al padre e poi alla madre il 13 ottobre

Foto di repertorio

"Da cinque giorni attendiamo il risultato del secondo tampone, non sappiamo se siamo ancora positivi e di conseguenza se possiamo tornare alla vita di tutti i giorni". Sono le parole di una famiglia novarese, abbastanza seccata per quello che sta vivendo.

"Siamo in quattro, io e mio marito, - parla la madre a nome della famiglia - e i nostri due figli, di 16 e 9 anni. Siamo in quarantena dall'8 ottobre e a oggi, pur avendo fatto il secondo tampone giovedì 22 ottobre, non sappiamo se siamo guariti o meno".

Proprio stamattina, martedì 27, la Asl ha chiamata a casa della famiglia per avere informazioni sullo stato di salute: "Ci siamo arrabbiati, abbiamo risposto che avremmo voluto saperlo da loro, avere il nostro esito. Ci è stato risposto che il sistema è in tilt e ci faranno sapere. Una famiglia intera bloccata. Siamo affidati al nostro medico di base, ma non può ogni ora controllare e sperare di trovare i nostri esiti".

La famiglia si è ammalata i primi di ottobre: "Ci ha chiamato la scuola di mio figlio, perchè nella sua classe c'era un bambino positivo. Era l'8 ottobre, giovedì, il venedì mio figlio ha fatto il tampone ed è risultato positivo così tutti noi ci siamo messi in quarantena, -racconta la mamma - lunedì 12 hanno fatto il tampone mia figlia e mio marito e il 13 ottobre io. Tutti positivi". Il piccolo di casa è risultato asintomatico, per gli altri tre componenti per fortuna sintomi lievi. Poi la chiamata di Asl per il secondo tampone al drive. "Lo abbiamo fatto giovedì 22. Da allora aspettiamo". La novarese sottolinea anche un altro aspetto: "E' stato fatto il tracciamento dei nostri figli, a me e mio marito non è stato chiesto nulla. Ora pensiamo solo ad avere notizie perchè vogliamo poter uscire di casa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Novara, aereo vola basso sulla città: ecco il perchè

  • Coronavirus, da domenica il Piemonte è zona arancione: cosa è consentito fare

  • Incidente sul lavoro a Novara: morto un operaio di 36 anni

  • Nuovo Dpcm Natale 2020: le regole allo studio per pranzi, cene e parenti

  • Bambino di 4 anni colpito al volto dal calcio di un cavallo

  • Coronavirus, decreto per Natale: no agli spostamenti tra comuni e regioni per le feste

Torna su
NovaraToday è in caricamento