Coronavirus, salgono a 4059 i casi positivi in Piemonte: 10 i guariti

Il bollettino di aggiornamento della Regione Piemonte. Terminati i posti di terapia intensiva all'ospedale di Novara

Foto di repertorio

Sono 4059 le persone finora risultate positive al "coronavirus Covid-19" in Piemonte. Lo ha comunicato la Regione nel bollettino di aggiornamento delle 19,30 di oggi, sabato 21 marzo.

Territorialmente i casi positivi sono così suddivisi: 708 in provincia di Alessandria, 169 in provincia di Asti, 227 in provincia di Biella, 283 in provincia di Cuneo, 362 in provincia di Novara, 1.788 in provincia di Torino, 232 in provincia di Vercelli, 149 nel Verbano-Cusio-Ossola, 43 residenti fuori regione, ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti  98 casi sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale.

Le persone in terapia intensiva sono 312. I tamponi diagnostici finora eseguiti sono 11.799, di cui 7.120 risultati negativi. In isolamento domiciliare  ci sono 1405 persone, in terapia intensiva 312.

Coronavirus, in Piemonte operativi i test rapidi

Diciassette i nuovi decessi

Sono 17 i nuovi decessi di persone positive al test del "coronavirus Covid-19" comunicati questo pomeriggio dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte, che si aggiungono ai 14 di questa mattina.

Il totale complessivo è ora di 255 deceduti risultati positivi al virus, così suddivisi su base provinciale: 71 ad Alessandria, 10 ad Asti, 25 a Biella, 19 a Cuneo, 33 a Novara, 62 a Torino, 14 a Vercelli, 17 nel Vco, 4 residenti fuori regione, ma deceduti in Piemonte.

Salgono a 10 le persone guarite

Nel pomeriggio, l’Unità di crisi della Regione Piemonte ha comunicato la guarigione virologica di altri due pazienti contagiati dal "coronavirus Covid-19". Si tratta di due donne, una dell’astigiano di 73 anni e una del vercellese di 44 anni.

Le persone guarite sono in totale 10, di cui quattro uomini a Torino (di 42, 61, 37 e 55 anni), quattro  donne ad Asti (di 77, 87 e 76 e 73 anni), un uomo di 44 anni in provincia di Cuneo e una donna di 44 anni in provincia di Vercelli.

Coronavirus, la Regione scrive al Governo: "Situazione al limite: chiediamo una via di priorità d'urgenza"

All'ospedale di Novara non ci sono più posti in terapia intensiva

Secondo l'ultimo bollettino di aggiornamento dell'ospedale Maggiore, rispetto al pomeriggio di venerdì 20 marzo sono deceduti tre uomini, due di Novara e uno della provincia, tutti classe 1945.

Sono però 17 le persone che sono state dimesse a domicilio, mentre altri 8 pazienti sono stati trasferiti a Veruno.

In totale, al momento, a Novara sono ricoverate 152 persone, di cui 58 di Novara, 79 della provincia, e 15 di altre province. Infine, sono tutti pieni i 50 posti di terapia intensiva e subintensiva.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

  • Coronavirus, Cirio: "Per l'1 o il 3 dicembre il Piemonte sarà in zona arancione"

  • Coronavirus, nuova ordinanza del ministro Speranza: il Piemonte passa in zona arancione

  • Coronavirus, da domenica il Piemonte è zona arancione: cosa è consentito fare

  • Nuovo Dpcm Natale 2020: le regole allo studio per pranzi, cene e parenti

  • Bambino di 4 anni colpito al volto dal calcio di un cavallo

Torna su
NovaraToday è in caricamento