Coronavirus, controlli dei vigili in città: chiuso un ristorante in cui si servivano pasti all'interno

Sanzionato anche un altro esercizio della grande distribuzione nel quale veniva venduta merce non consentita dal Dpcm

Foto di repertorio

Proseguono a Novara i controlli della polizia locale sui mercati e le attività commerciali, per verificare il rispetto delle disposizioni dell'ultimo Dpcm in materia di contenimento del rischio sanitario.

Questa settimana il Nucleo di polizia annonaria e commerciale ha sanzionato e chiuso per 5 giorni un ristorante, ubicato nella zona della stazione, che nonostante i divieti previsti dal Dpcm effettuava il servizio all'interno del locale a favore alcuni clienti. Sanzionato anche un altro esercizio della grande distribuzione nel quale veniva venduta merce non consentita dal Dpcm.

Coronavirus, la Prefettura aumenta i controlli: parchi e aree verdi "sorvegliati" speciali

"I controlli sono coordinati dalla Prefettura - ha spiegato l’assessore alla Sicurezza Luca Piantanida - che ha assegnato alle varie forze dell’ordine aree e settori su cui lavorare. La polizia locale si occupa di mercati ed attività commerciali. In questi giorni, i controlli sono molto frequenti e l’attenzione rimane alta sia per individuare coloro che non rispettano le regole sia a tutela di chi invece, rispettandole, è costretto ogni giorno ad affrontare sacrifici per attenersi alle disposizioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Cirio: "Piemonte in zona arancione", ma gli ospedali sono al limite e non si fanno tamponi agli asintomatici

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

  • Coronavirus, il Piemonte resta in zona rossa: prorogate al 3 dicembre tutte le misure di contenimento

  • Coronavirus: +2641 casi in Piemonte, a Novara ricoveri in risalita

  • Coronavirus, all'ospedale di Novara 238 ricoverati e 5 decessi

  • Coronavirus, cinque decessi tra Novara e Borgomanero: i ricoverati in provincia sono 354

Torna su
NovaraToday è in caricamento