Coronavirus, “Fase 2”: al ristorante il menù si consulta sul cellulare

Nelle linee guida si chiede di prediligere spazi aperti, pagamento elettronico, utensili non riutilizzabili

Nella notte è arrivato il nuovo decreto-legge del consiglio dei ministri e anche le linee guida per entrare ufficialmente nella “Fase 2”. Che cosa cambierà a partire dal 18 maggio e poi dal 25 con anche l’apertura di bar e ristoranti.

Via i menù classici nei locali, o meglio, le linee guida consigliano vivamente di predisporre un menù che possa essere consultato sul proprio cellulare e, laddove ciò non sarà possibile, offrire un menù che sia plastificato in modo tale che possa essere igienizzato ogni volta. Si potrà pagare in cassa, ma sarebbe meglio prediligere il pagamento al tavolo elettronico. I clienti dovranno indossare la mascherina per lasciare il tavolo e al termine di ogni consumazione dovranno essere adottate tutte le misure disinfezione. Al tavolo si sconsigliano utensili e contenitori riutilizzabili, come saliera, salse, se non disinfettati.

Coronavirus, da lunedì si circola senza autocertificazione: tutti liberi in Piemonte

Nei luoghi con posti a sedere si dovrà privilegiare l’accesso tramite prenotazione e l’elenco dovrà essere mantenuto per 14 giorni; nei luoghi senza posti a sedere l’ingresso sarà contingentato in base alle caratteristiche dei locali e con il mantenimento di un almeno un metro di separazione fra i clienti.

Sono da prediligere gli spazi esterni e i tavoli dovranno essere disposti in modo che le sedute garantiscano il distanziamento interpersonale di almeno un metro di separazione tra i clienti, a eccezione delle persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggette al distanziamento interpersonale. Tale distanza può essere ridotta solo ricorrendo a barriere fisiche tra i diversi tavoli adeguate a prevenire il contagio tramite droplet. In ogni caso si dovrà favorire il ricambio d’aria nei luoghi chiusi e non usare la funzione di ricircolo aria per gli impianti di condizionamento.

Sì alle consumazioni al banco, solo se è assicurata la distanza, no al buffet. Il personale di servizio a contatto con i clienti deve utilizzare la mascherina e deve procedere a una frequente igiene delle mani con soluzioni idro-alcoliche prima di ogni servizio al tavolo. Chi è in cassa dovrà operare solo dietro a una barriera fisica, in alternativa dovrà indossare la mascherina e avere a disposizione gel igienizzante per le mani. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: il cambio di colore sarà sabato o domenica?

  • Coronavirus, il Piemonte rischia la zona arancione

  • Novara, tragedia al centro commerciale: si sente male e muore alle casse dell'Ipercoop

  • Coronavirus, cosa è consentito fare in zona arancione: le regole per Novara e il Piemonte

  • Dpcm: le nuove regole per asporto, spostamenti, sci e scuole. Piemonte verso la zona arancione

  • Coronavirus, nuovo decreto: niente spostamenti tra regioni, il Piemonte verso l'area arancione

Torna su
NovaraToday è in caricamento