Coronavirus, la Regione chiarisce i punti dell'ordinanza: cosa chiude e cosa no

Stop agli eventi e ai luoghi di pubblico spettacolo, ma i locali pubblici e i negozi non chiudono. Le spiegazioni della Regione

A Novara, tra gli altri, chiusi cinema, teatri e il Circolo dei Lettori - Foto di repertorio

Mentre la situazione relativa ai contagi in Piemonte sembra essere sotto controllo (non si segnalano al momento nuovi casi positivi al coronavirus Covi-19), nella serata di ieri, lunedì 24 febbraio, è arrivata dalla Regione Piemonte la circolare con i chiarimenti applicativi, inviata a tutti i Prefetti del Piemonte, sui contenuti dell’ordinanza firmata domenica sera che contiene una serie di "misure urgenti in materia di contenimento del contagio da coronavirus".

Coronavirus, l'ottimismo di Cirio: "i dati di confortano, ma non abbassiamo la guardia"

Dalla Regione precisano quindi che tra le manifestazioni sospese vengono inserite le fiere, le sagre, i luna park, i concerti, gli eventi sportivi con presenza di pubblico, le rappresentazioni teatrali, cinematografiche e musicali. Chiusi quindi anche i luoghi di pubblico spettacolo, comprese discoteche e sale da ballo.

Coronavirus, chiusi a Novara teatri e Circolo dei Lettori

Gli allenamenti sportivi sono invece ammessi, si legge nella circolare, escludendo l’utilizzo di spogliatoi e docce. A Novara, però, il Comune aveva già deciso di chiudere tutti gli impianti sportivi comunali.

Rimangono inoltre aperti, precisano dalla Regione, i centri linguistici privati, i centri musicali senza afflusso di pubblico e le scuole guida. Sono escluse dalla sospensione anche tutte le attività economiche, agricole, produttive, sanitarie e sociosanitarie, commerciali e di servizio, compresi pubblici esercizi, mercati, mense, dormitori di pubblica utilità. 

Coronavirus, in Piemonte mercati aperti regolarmente

Non si intendono infine sospese, si legge ancora nella circolare, "le celebrazioni di matrimoni ed esequie civili e religiose, a condizione di permettere la partecipazione dei soli famigliari. Per le esequie si ritiene consigliabile l'esecuzione di funzioni all'aperto".  Con un provvedimento da parte del Vescovo sono invece state sospese dalla Diocesi di Novara, competente in quasi tutto il novarese e nel Vco, le celebrazioni religiose e le attività degli oratori fino al 29 febbraio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Novara, aereo vola basso sulla città: ecco il perchè

  • Coronavirus, da domenica il Piemonte è zona arancione: cosa è consentito fare

  • Incidente sul lavoro a Novara: morto un operaio di 36 anni

  • Coronavirus, Cirio: "Per l'1 o il 3 dicembre il Piemonte sarà in zona arancione"

  • Bambino di 4 anni colpito al volto dal calcio di un cavallo

  • Nuovo Dpcm Natale 2020: le regole allo studio per pranzi, cene e parenti

Torna su
NovaraToday è in caricamento