Coronavirus, in Piemonte al via i lavori per realizzare l'area sanitaria temporanea

Partono lunedì. La realizzazione, alle ex Officine Grandi Riparazioni di Torino, sarà seguita dall'Aeronautica militare

Le ex Officine Grandi Riparazioni di Torino - Foto di repertorio

È stata sottoscritta ieri, sabato 4 aprile, l’intesa tra Regione Piemonte, Prefettura e Comune di Torino e Società consortile per azioni Ogr - Crt e Fondazione Crt per l’avvio delle operazioni di realizzazione di un’area sanitaria temporanea all’interno del complesso delle ex Officine Grandi Riparazioni (Ogr) di Torino.

La necessità, spiegano dalla Regione, scaturisce dall’attuale situazione di emergenza sanitaria, in cui l’evoluzione della curva epidemiologica, nonostante registri una crescita inferiore se comparata al periodo di tempo immediatamente precedente, presenta ancora un valore assoluto tendenzialmente in aumento. Inoltre, le previsioni a medio termine non forniscono dati certi tali da consentire di ipotizzare un’uscita dalla situazione emergenziale in tempi brevi, mentre potrebbe anche verificarsi un contagio di ritorno. Su questa situazione di criticità incide, inoltre, in maniera determinante la situazione di aumento di casi di positività nel personale e negli ospiti all’interno delle Residenze Socio Assistenziali (Rsa). Occorre dunque alleggerire l’attuale incidenza del carico ospedaliero, all’interno delle terapie intensive, dove si registra ancora un elevato tasso di ricoveri, che dovranno, nella progressione temporale della patologia, trasformarsi in setting di cura più bassi (attività semi intensiva e di ricovero a bassa e media intensità).

In seguito alla valutazione sulla idoneità e sulla ottimale posizione logistica delle ex Ogr di Torino e dopo che la Fondazione Crt, insieme alla sua Società consortile per azioni Ogr Crt, ha messo subito a disposizione della Regione Piemonte una porzione del sito di sua proprietà, partono ora i lavori su un’area pari a circa 8900mq per un primo modulo da 92 posti, ripartiti in 4 posti di stabilizzazione in emergenza, 32 posti di terapia semintensiva e 56 posti di degenza ordinaria.

Il cantiere apre domani, lunedì 6 aprile, e la realizzazione sarà portata avanti dai reparti Genio Infrastrutture dell’Aeronautica militare con il coordinamento dell’Unità di crisi della Regione Piemonte, in un termine previsto di due settimane.

Per quanto riguarda i costi sono stati valutati, al momento, in circa 3 milioni di euro e saranno completamente coperti da Fondazione Compagnia di San Paolo, che ha comunicato con tempestiva generosità la propria disponibilità nell'ambito della Convenzione pluriennale con la Regione Piemonte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

  • Coronavirus, Cirio: "Per l'1 o il 3 dicembre il Piemonte sarà in zona arancione"

  • Coronavirus, nuova ordinanza del ministro Speranza: il Piemonte passa in zona arancione

  • Nuovo Dpcm Natale 2020: le regole allo studio per pranzi, cene e parenti

  • Coronavirus: +2641 casi in Piemonte, a Novara ricoveri in risalita

  • Coronavirus, all'ospedale di Novara 238 ricoverati e 5 decessi

Torna su
NovaraToday è in caricamento