Rsa di Baveno, si attende l'esito dei tamponi da 11 giorni. Il sindaco: "E' inaccettabile"        

Il sindaco intanto ha fatto eseguire i test rapidi

Foto di repertorio

“Quella di Asl un ritardo inaccettabile e che non può essere in alcun modo giustificato”. Ha deciso di farsi sentire Alessandro Monti, il primo cittadino di Baveno. Nella rsa del paese, la Casa dell’anziano, si attendono i risultati dei tamponi effettuati lo scorso 4 novembre. Sono 11 i giorni di attesa. “Nonostante le mie telefonate giornaliere non sappiamo ancora i risultati che ci tengono in una situazione surreale, non sfuggendo a nessuno l’importanza di sapere subito se gli ospiti siano o meno risultati positivi, per adottare le procedure del caso”.

Il sindaco ha pensato di far eseguire i test rapidi distribuiti dalla protezione civile e circa 20 sono risultati positivi, ma serve il risultato di quello molecolare. “L'amministrazione comunale e la direzione di struttura si sono adoperati da subito per garantire tutte le condizioni di sicurezza necessarie, seguendo rispettosamente tutti i protocolli previsti. Rimane però inconcepibile che l’Asl del Vco non sia in grado di darci una risposta, testimoniando un’organizzazione assolutamente insufficiente per le esigenze dei cittadini di questo territorio”. 

 E ha aggiunto: “Non ha senso che siano i sindaci a dover richiedere supporto per avere più efficienza e aiuti per il nostro territorio: dovrebbe essere la regione Piemonte a muoversi dotando dei mezzi e delle risorse necessarie le Asl per svolgere le loro funzioni in tempi rapidi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Piemonte verso zona arancione: cosa cambia per i novaresi

  • Coronavirus, il Piemonte resta in zona rossa: prorogate al 3 dicembre tutte le misure di contenimento

  • Coronavirus: +2641 casi in Piemonte, a Novara ricoveri in risalita

  • Coronavirus, all'ospedale di Novara 238 ricoverati e 5 decessi

  • Coronavirus, cinque decessi tra Novara e Borgomanero: i ricoverati in provincia sono 354

  • Ahmadreza Djalali, si avvicina la pena di morte per il ricercatore novarese detenuto in Iran

Torna su
NovaraToday è in caricamento