menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio

Foto di repertorio

"Sono tua nipote, ho il Covid, mi servono 10 mila euro": truffa al telefono a Romentino

E' successo nei giorni scorsi a signora che abita a Romentino. Per fortuna solo un grande spavento

"Ciao, sono io tua nipote, sono positiva al Coronavirus. Mi hanno ricoverato in una clinica privata a Novara e mi servono 10 mila euro per poter fare due cure per guarire, mi servono stasera". 

E' iniziata così la telefonata ai danni  di una signora di 75 anni che abita a Romentino. Per fortuna la truffa non è andata a buon fine per la malintenzionata, ma lo spavento della signora è stato enorme. A raccontare l'accaduto, di pochi giorni fa, la figlia: "Viviamo nello stesse plesso, mia mamma al piano terra e io al piano di sopra. E' salita spaventata e in lacrime, - dice - questa persona si è spacciata per una nipote. Mia mamma ha chiesto ulteriori spiegazioni e questa persona si è un po' tradita da sola, perchè ha cambiato tono e ha fatto trasparire un accento diverso, che nessuno nella nostra famiglia ha. Questa persona ha detto velocemente "Chiamami" e ha agganciato". 

La signora è rimasta agitata per molto tempo: "Ci sono volute due ore perché si tranquillizzasse, al di là della truffa, ma sarebbe potuto succedere di tutto, come un malore per esempio. Sono episodi da segnalare perchè possano essere un aiuto per tutti gli altri. Abbiamo avvertito il sindaco". E infatti sulla pagina del Comune è apparso un post per mettere in guardia proprio da questi accadimenti.

Sembra inoltre che la sigonra di Romentino non sia stata l'unica vittima, ma altre telefonate del genere siano state fatte anche ad altri e in altri Comuni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Verbano Cusio Ossola

Baveno, chiusa la scuola materna per covid: bambini in quarantena

Attualità

Coronavirus, in Piemonte si potrà fare visita ai pazienti ricoverati in ospedale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NovaraToday è in caricamento