rotate-mobile
Cronaca

Crescere insieme: Comune e università di Novara insieme per i giovani

Con il progetto "Crescere insieme: studenti e territorio" amministrazione e Ateneo hanno vinto il bando di Anci e Ministero, con un finanziamento di 140mila euro per attività a favore degli studenti

Si chiama "Crescere insieme: studenti e territorio" il progetto con cui il Comune di Novara ha vinto il bando nazionale, promosso e sostenuto dal Dipartimento della Gioventù - Presidenza del Consiglio dei Ministri e dall'Anci - Associazione Nazionale Comuni Italiani.

Oggetto dell'iniziativa, presentata oggi, giovedì 19 aprile, a Palazzo Cabrino: i servizi in favore degli studenti universitari. Il progetto è iinfatti realizzato in collaborazione con l’Università degli Studi del Piemonte Orientale "Amedeo Avogadro", e con la Fondazione Museo Francesco Borgogna di Vercelli e l’Aspal Srl di Alessandria, nell'ambito dei servizi agli studenti nei Comuni sedi di Università, per potenziare le politiche in materia di diritto allo studio universitario sostenendo, con azioni concrete, l’accesso all’offerta formativa universitaria, in condizioni di parità, a studenti svantaggiati dal punto di vista economico e sociale.

Gli obiettivi specifici del programma riguardano l’integrazione, sia in ambito universitario che civile, la crescita professionale e culturale dei giovani studenti universitari, il miglioramento delle capacità di relazione interpersonale e interculturale. Il progetto intende quindi intervenire con diverse linee di azione: l'accoglienza degli studenti stranieri, lo sviluppo dei servizi rivolti agli studenti disabili, la realizzazione di interventi nel campo dei trasporti, della cultura e dello sport.

Tra i risultati attesti dall'attuazione del progetto: ridurre di tre punti percentuali i valori dell’inattività negli studi degli studenti disabili e stranieri, rispetto ai dati relativi all’anno accademico 2009/2010, per le facoltàcon tassi superiori al 10% (Economia e Medicina); incrementare il numero degli studenti stranieri di almeno il 5% rispetto all’anno accademico 2009/2010; incrementare il numero degli studenti disabili iscritti del 3% rispetto allo stesso anno; favorire l’inserimento nel mercato del lavoro dei laureati disabili; potenziare l’offerta culturale rivolta ai giovani studenti universitari di Novara e Vercelli; favorire la creatività studentesca e l’integrazione di studenti diversamente abili e stranieri, migliorare il trasporto urbano ed extraurbano per favorire i rapporti istituzionali dell’Ateneo e agevolare i collegamenti tra le città di Vercelli e Novara.




 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crescere insieme: Comune e università di Novara insieme per i giovani

NovaraToday è in caricamento