rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Cronaca

Università del Piemonte Orientale: crescono le immatricolazioni

L'aumento del 13,2% rispetto all'anno accademico 2012-2013 è in controtendenza rispetto all'andamento decrescente che si registra a livello nazionale

L’Università del Piemonte Orientale "Amedeo Avogadro" è un ateneo che sta bene e che cresce.

Il monitoraggio delle immatricolazioni per l’anno accademico 2013-2014, infatti, evidenzia un netto aumento rispetto al 12 novembre 2012, quando si era da poco insediata la nuova Governance di Ateneo. Il dato positivo acquisisce valenza ancora maggiore se lo si paragona alla tendenza nazionale, che evidenzia un calo di iscritti ai corsi universitari.

I nuovi immatricolati ai corsi dell’Ateneo “Avogadro” sono, alla data odierna (venerdì 15 novembre, ndr), 3126 (esattamente un anno fa erano 2930). Le matricole pure - ovvero gli studenti che vengono per la prima volta a contatto con l’Università, senza precedenti iscrizioni - sono attualmente 2.390 (erano 2.108 nel 2012) con un aumento che si attesta al 13,2%. Se si considera che nel 2012 si era già registrato un +8,5% rispetto al 2011 si evidenzia un ulteriore slancio in avanti che premia l’"Avogadro" e la sua scelta di non aumentare le tasse a garanzia del diritto allo studio mantenendo, altresì, elevati gli standard dei servizi.

Gli iscritti sono, oggi, 9.953, 394 in più rispetto ai 9.559 di un anno fa (+4,1%). Anche in questo caso, sebbene i dati sulle iscrizioni 2013 si potranno avere solo a 2014 inoltrato, l’aumento ha già superato quello consolidato nel 2012 (11.274 iscritti, + 3,2% rispetto ai 10.927 del 2011).

Analizzando i dati provvisori delle immatricolazioni ai singoli Dipartimenti si registra una sostanziale tenuta di tutti i corsi di laurea. La scelta di sdoppiare alcuni corsi di laurea è stata premiata, infatti il corso magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza a Novara ha 115 nuove matricole, mentre quello triennale di Economia aziendale attivato ad Alessandria ben 168. I corsi a numero chiuso delle aree medica e farmaceutica, sebbene i dati non siano ancora consolidati, anche quest’anno riempiranno tutte le caselle disponibili, mentre il corso di laurea più gettonato resta quello di Economia aziendale che, sommando gli iscritti "novaresi" e quelli "alessandrini", conta ben 611 matricole.

"Dopo il 31 dicembre - ha commentato il rettore Cesare Emanuel - avremo anche il dato relativo alle lauree magistrali, che hanno contenuti scientifici di primissimo livello e su cui puntiamo molto, e ci attendiamo che il trend positivo si confermi per il biennio di specializzazione. Ciò sarebbe l’anello di congiunzione ideale tra gli ottimi risultati delle immatricolazioni alle lauree di primo livello e la valutazione assai positiva che l’Anvur (l’Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca, ndr) ha certificato relativamente alla ricerca che viene svolta in tutti i Dipartimenti dell’Ateneo. In ogni caso non possiamo che essere soddisfatti analizzando i dati che ci giungono dalle Segreterie Studenti. In un momento congiunturale davvero critico in cui molti atenei devono fronteggiare una contrazione importante delle immatricolazioni, l’Università del Piemonte Orientale tiene e, anzi, rafforza la propria presenza sul territorio. Cresce anche la nostra capacità di attirare studenti dalle regioni limitrofe, se si considera che dalla Lombardia giungono anche quest’anno più di 500 matricole pure".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Università del Piemonte Orientale: crescono le immatricolazioni

NovaraToday è in caricamento