Novara, fermati i due piromani che incendiarono auto e furgoni in corso Risorgimento

L'episodio risale allo scorso marzo. Dopo mesi di indagini la polizia ha denunciato due uomini

Per loro non è stata disposta alcuna misura cautelare, ma sono indagati per incendio doloso. Sono stati denunciati L.A. di 26 anni e A.C. di 27: i due sono considerati i responsabili dell'incendio di corso Risorgimento avvenuto intorno alle 22 del 2 marzo 2018. 

Il video dei piromani in azione e delle indagini della polizia

I due avevano incendiato quattro mezzi, due furgoni cassonati di proprietà di una società cooperativa addetta alle pulizie, una Bmw X1, questi tre tutti distrutti, e una Fiat 500 parzialmente danneggiata, di proprietà di condomini.

"L'indagine ha richiesto parecchio tempo, e siamo riusciti a ricostruirne l'intera dinamica un poco alla volta grazie a diversi indizi". Un'indagine alla "vecchia maniera", con numerosi accertamenti e anche un'intuizione di un operatore della squadra mobile.

La vicenda

Il 2 marzo 2018 in corso Risorgimento sono intervenuti vigili del fuoco, soccorso sanitario e gli equipaggi della polizia di Stato che hanno anche fatto evacuare due abitazioni per l'intensa coltre di fumo e le conseguenti esplosioni. Messa l'area in sicurezza, la squadra mobile ha dato il via alle investigazioni ed è emersa in pochissimo tempo la natura dolosa dell'evento. Tra i primi "indizi" infatti il fatto che i due mezzi, a gasolio e in sosta da almeno due giorni, con le basse temperature, non avrebbero potuto far scaturire un'autocombustione. 

E' emersa poi subito la questione lavorativa: c'era infatti una sitiazione di conflitto tra l'azienda cooperativa e un ex dipendente, A.C., a cui non era stato rinnovato il contratto a giugno 2018. L'uomo aveva già minacciato il datore di lavoro. Dalle analisi dei video delle telecamere, seppur non così nitidi, è stata confermata la natura dolosa dell'incendio e la presenza di due persone, a bordo di una Fiat Grande Punto, una delle quali aveva con sè una tanica di benzina. E in più coicidenti sono apparsi l'ora dell'incendio e l'arrivo della vettura. 

E' stata l'intuzione di un operatore della squadra mobile a dare una scossa in più alle indagini: l'operatore qualche giorno dopo ha visto proprio vicino alla questura un'auto simile a quella in video (aveva dei cerchi particolari) e appartenente a A. L., che aveva già precedenti penali ed era stato fermato proprio pochi giorni dopo per un tentativo di rapina. In seguito è stato identificato proprio l'ex dipendente dell'azienda con il figlio del proprietario del mezzo a bordo dell'auto. 

Tanti gli indizi che hanno reso possibile l'indagine, anche tramite i social, che hanno consentito così una riscotruzione dettagliata e fornito la conferma che i due si trovavano insieme.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il quadro accusatorio è stato pienamento condiviso dalla procura di Novara e durante gli interrogatori i due non hanno potuto fare altro che confermare quanto accaduto e raccontare nei dettagli. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le migliori gelaterie di Novara

  • Verbania, ragazzina di 12 anni in coma etilico: chiuso uno dei bar in cui ha bevuto

  • Ritrovato a 137 metri di profondità il corpo del nuotatore scomparso nel Lago D’Orta

  • Gite fuori porta: tre luoghi da non perdere a due passi da Novara

  • Si fa trainare con la bici da uno scooter e sbatte contro un palo: gravissimo un 14enne

  • Incidente a Trecate: schianto tra due auto sulla provinciale, due feriti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento