Piste Ciclabili: in alcuni punti della città la situazione è critica

La situazione nella città amica delle bici non è ancora delle più rosee. Sono diverse le zone dove l'asfalto dedicato agli amanti delle due ruote risulta disconnesso

Piste ciclabili come montagne russe? Pare proprio di sì. In alcuni punti della città le piste ciclabili, utilizzate moltissimo dai cittadini gaudenziani, si presentano con un fondo stradale disconnesso, pieno di buche, avallamenti dettati dalle radici dei secolari alberi che costeggiano i viali: un vero e proprio rischio per tanti che ogni giorno le percorrono a bordo delle loro due ruote.

"La situazione più critica - raccontano alcuni cittadini - è quella delle piste ciclabili di viale Giulio Cesare e di quella lungo corso XXIII marzo in direzione del centro cittadino. Una situazione che non è certo degna di una città bike friendly". "Stesso discorso - fa notare un'altra cittadina - per la metà del viale che costeggia la pedonale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non va meglio lungo le piste ciclabili del Baluardo Lamarmora dove un poco di manutenzione in più non guasterebbe: "poichè la città è costeggiata, fortunatamente, da molti alberi - raccontano i cittadini - ci ritroviamo con radici molto grandi che fuoriescono dal terreno e disturbano il tratto di pista ciclabile. Queste irregolarità nel terreno, se non si sta attenti, possono provocare rovinose cadute".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto a Novara: è morto Renato Stella

  • Coronavirus, la richiesta dei medici agli avvocati: "Fermate la pubblicità delle consulenze gratuite per azioni contri i dottori"

  • Coronavirus, le previsioni: quando potrebbero azzerarsi i contagi a Novara e in Piemonte

  • Coronavirus: in Piemonte 29 nuovi decessi, 38 pazienti guariti e altri 144 “in via di guarigione”: i casi totali sono 7.228

  • Coronavirus, 6.708 casi in Piemonte: 46 nuovi decessi e 32 persone guarite

  • "I malati di coronavirus potrebbero essere curati a casa, ma non ci sono i farmaci". Il racconto di un medico di base novarese

Torna su
NovaraToday è in caricamento