Intossicata dal monossido di carbonio in casa: 59enne ricoverata a Fara

La donna, residente nell'alessandrino, è stata sottoposta ad un trattamento di ossigeno terapia in regime di emergenza

Foto di archivio

Una donna di 59 anni è stata ricoverata nella mattinata di oggi, martedì 29 gennaio, a Fara Novarese a causa di un'intossicazione da monossido di carbonio.

La donna, residente nell'alessandrino, è stata sottoposta ad un trattamento di ossigeno terapia in regime di emergenza presso la casa di cura Habilita - I Cedri di Fara Novarese.

La signora si è presentata all’ospedale di Alessandria nella giornata di ieri, lunedì 28 gennaio, lamentando dolore toracico e difficoltà respiratorio, ma soltanto durante la notte ha dichiarato di aver acceso un braciere in casa per riscaldare il bagno durante la doccia. Alla luce di questo nuovo dato, le è stata diagnosticata un’intossicazione da CO ed è quindi stata posta l’indicazione di un trattamento d’urgenza di ossigeno terapia in camera iperbarica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La paziente è stata trattata dalle 6 alle 7.40 senza complicazioni e con un miglioramento della sintomatologia. Terminato il trattamento la paziente è rientrata all’ospedale di Alessandria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto a Novara: è morto Renato Stella

  • Coronavirus, la richiesta dei medici agli avvocati: "Fermate la pubblicità delle consulenze gratuite per azioni contri i dottori"

  • Coronavirus, le previsioni: quando potrebbero azzerarsi i contagi a Novara e in Piemonte

  • Coronavirus: in Piemonte 29 nuovi decessi, 38 pazienti guariti e altri 144 “in via di guarigione”: i casi totali sono 7.228

  • Coronavirus, 6.708 casi in Piemonte: 46 nuovi decessi e 32 persone guarite

  • "I malati di coronavirus potrebbero essere curati a casa, ma non ci sono i farmaci". Il racconto di un medico di base novarese

Torna su
NovaraToday è in caricamento