Traffico di droga in pizzeria, in manette anche il "corriere" novarese

L'operazione dei carabinieri di Genova

La consegna della droga

carabinieri del nucleo investigativo di Genova hanno arrestato quattro cittadini albanesi per detenzione e spaccio di cocaina all’interno di una pizzeria di piazza Rossetti, alla Foce.

In manette sono finiti due fratelli titolari della pizzeria, di 29 e 38 anni, e altri due uomini, un 41enne residente ad Alessandria identificato come il fornitore della droga, e un 49enne residente a Novara, il corriere incaricato di rifornire di droga i due fratelli. Le indagini, durate appena una settimana, sono partite da numerose segnalazioni fatte proprio ai carabinieri per schiamazzi e rumori molesti provenienti dalla pizzeria. I militari hanno quindi avviato i controlli, identificando numerosi clienti del locale (alcuni noti per precedenti in materia di stupefacenti). Tra le persone controllate anche il 41enne di Alessandria, avvistato più volte in pizzeria e in un caso anche in auto con uno dei due titolari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I carabinieri hanno approfondito ulteriormente i controlli, e lo scorso 30 maggio hanno osservato il 49enne di Novara incontrandosi all’esterno della pizzeria con i due titolari e ricevere da loro una busta, riposta in un’auto parcheggiata poco lontano. Salito sulla macchina, l’uomo ha guidato sino alla pizzeria, è sceso ed è entrato nel locale con un sacchetto in mano. Quando i militari hanno deciso di fare irruzione, dietro il bancone della pizzeria hanno trovato una busta contrassegnata dal logo di Messenger, l’applicazione di messaggistica di Facebook, e all’interno oltre un kg di cocaina purissima. Perquisizioni domiciliari hanno portato al sequestro di 2.500 euro in tagli da 500, 100 e 50 e di una decina di telefoni cellulari. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Novara, maxi rissa in piazza Martiri: volano sedie e bicchieri

  • Mega incidente alle porte di Novara: scontro tra 7 auto, otto feriti

  • Novara, forte temporale con grandine su città e provincia

  • Arona: ha un malore mentre è a scuola, morto studente di 17 anni

  • Novara, si sente male e muore nel parcheggio del centro commerciale di Veveri

  • Coronavirus, casi positivi all'Ipsia Bellini: scuola chiusa per due settimane

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento