Fauser: studenti protestano per il freddo, ma qualcuno lascia le finestre aperte

Temperature "glaciali" nelle aule dell'istituto. I tecnici scoprono però termosifoni chiusi e finestre aperte nelle classi più fredde

Gli studenti del Fauser nei corridoi per protesta

Giovedì mattina gli studenti del Fauser si sono rifiutati di entrare nelle aule.

Il motivo sono le temperature a dir poco glaciali: in alcune classi, infatti, il termometro segnava 13 gradi.

Gli studenti hanno quindi protestato restando nei corridoi, visto che la situazione si protrae da mesi. Alle 8 del mattino i ragazzi entrano a scuola, ma alcune aule e laboratori non si scaldano prima delle 10.

I tecnici della provincia, responsabile degli impianti di riscaldamento, hanno però scoperto un piccolo dettaglio: nelle aule ghiacciate erano state lasciate aperte le finestre e, in alcuni casi, chiusi i termosifoni. Con le finestre chiuse la temperatura è regolare.

Si tratterebbe quindi di una messa in scena organizzata da qualcuno per far perdere ore di lezione a tutti? É possibile, anche se gli studenti spiegano che la situazione dura da troppo tempo per essere solo colpa di qualche ragazzo.

L'unica cosa importante, però, è che, quale che fosse il motivo, gli studenti del Fauser possano, finalmente, far lezione al caldo. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A piedi sulla A4 armato di un coltello, fugge nei campi alla vista della polizia: caccia all'uomo

  • Le Frecce Tricolori su Novara: il decollo da Cameri della pattuglia acrobatica

  • Incidente a Mandello, perde il controllo del suv e si incastra in un canale

  • Novara, rapina al punto Snai di via San Francesco: due feriti

  • Operazione anti prostituzione: incarico temporaneamente sospeso per don Zeno, l'annuncio della diocesi

  • Incidente a Novara, schianto fra due auto in corso della Vittoria: ragazza incastrata tra le lamiere

Torna su
NovaraToday è in caricamento