In trasferta da Milano per rubare vestiti firmati con borse schermate

Tre donne sono state arrestate dai carabinieri mentre cercavano di sottrarre vestiti

Una borsa schermata (foto di repertorio)

Borse protette da fogli di alluminio, che avrebbero permesso alle ladre di uscire indisturbate dal negozio senza fare scattare l'allarme. É questo il sistema che hanno utilizzato tre donne che lo scorso martedì hanno cercato di sottrarre capi di abbigliamento di marca, ma sono state fermate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ad accorgersi che c'era qualcosa di sospetto è stato il titolare del negozio Empiorio Grandi Firme di Gattico: l'uomo, vedendo le tre aggirarsi con fare sospetto nel punto vendita a chiamato i carabinieri. Alla vista dei militari le donne hanno cercato di fuggire, ma sono state fermate. Nelle loro borse c'erano capi di abbigliamento di marca, per un valore di oltre 600 euro. Le ladre, tutte di origine ecuadoregna, erano "in trasferta" dal milanese per compiere i furti: sono state processate per direttissima e condannate una a cinque mesi, le altre a quattro mesi con la condizionale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro fra auto e motocicletta: morto un centauro novarese

  • Stresa, si masturba davanti ai passanti: 26enne denunciato dai carabinieri

  • Verbania, pestano selvaggiamente due commercianti che li hanno rimproverati: arrestati tre giovani

  • Auto si ribalta sui binari ad un passaggio a livello nel novarese: sfiorato l'incidente ferroviario

  • Vco, si ribalta e rimane incastrata fra le lamiere dell’auto: persona ricoverata

  • Coronavirus, arriva il 12 luglio a Novara il laboratorio mobile per i test sierologici

Torna su
NovaraToday è in caricamento