rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
Cronaca

SimCup Italia: ad aprile torna a Novara la "gara" tra i medici specializzandi

L'evento formativo si terrà il 7 e 8 aprile presso la sede del centro Simnova dell'Università del Piemonte Orientale

Dopo il successo delle prime due edizioni, il Centro di simulazione Simnova dell’Università del Piemonte Orientale torna a proporre la competizione SimCup Italia, evento formativo e culturale di simulazione medica per specializzandi in area critica.

I partecipanti avranno la possibilità di cimentarsi nella gestione di situazioni critiche sia ospedaliere sia pre-ospedaliere, coinvolgendo simulatori di pazienti adulti, pediatrici o neonatali e donne in gravidanza. La terza edizione di SimCup Italia si terrà nella sede di Simnova (via Lanino 1 a Novara) nei giorni 7 e 8 aprile.

Il format, che vede nella competizione amatoriale un fattore motivazionale, è quello ormai utilizzato da molti board scientifici: un circuito di stazioni di simulazione in cui si alternano manichini di base e avanzati, modelli riproducenti parti anatomiche (task trainers) e simulatori computerizzati di realtà virtuale. L’obiettivo infatti è quello di sviluppare conoscenze tecniche, abilità decisionali, ragionamento clinico e capacità di lavorare in team.

La SimCup Italia incorpora diverse teorie dell’apprendimento. La prima è quella esperienziale: tutti i partecipanti avranno la possibilità di applicare le conoscenze precedentemente acquisite nella gestione di differenti casi clinici, sviluppando quindi conoscenze tecniche, abilità decisionali, ragionamento clinico e capacità di lavorare in team così come abilità gestuali e psicomotorie. La seconda è quella per imitazione: le azioni eseguite, captate dai sistemi sensoriali dell’osservatore sono automaticamente trasferite al sistema motorio, permettendogli così di avere una copia motoria del comportamento osservato, quasi fosse lui stesso a eseguirlo. Infine l’ambiente protetto della simulazione offre l’opportunità di fare dell’errore un ulteriore occasione di apprendimento.

Le squadre saranno costituite da quattro medici in formazione specialistica, di qualsiasi anno, iscritti a una qualsiasi scuola di specializzazione in un’università italiana.

"La valutazione di ogni singola prova - spiega il direttore del Centro Simnova Pier Luigi Ingrassia - sarà basata sulla correttezza delle azioni svolte, sia tecniche sia non-tecniche. Oltre alle prove di gara, inoltre, consideriamo parte integrante della SIMCUP i seminari che verranno tenuti da docenti italiani ed esteri di comprovata fama su temi pertinenti all’area critica".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

SimCup Italia: ad aprile torna a Novara la "gara" tra i medici specializzandi

NovaraToday è in caricamento