Calice d'oro 2016: a Ghemme e Fara i migliori vini dell'Alto Piemonte

Rovellotti Viticoltori in Ghemme e Cantinoteca dei Prolo sono le aziende vincitrici della sesta edizione del concorso enologico

Rovellotti Viticoltori in Ghemme di Ghemme e Cantinoteca dei Prolo di Fara Novarese sono le aziende vincitrici della sesta edizione del concorso enologico Calice d’Oro dell'Alto Piemonte, organizzato dalla Camera di Commercio di Novara in accordo con gli Enti camerali di Biella e Vercelli e del Verbano Cusio Ossola, con la collaborazione dell’Associazione Enologi Enotecnici Italiani, partner tecnico dell’iniziativa.

Le operazioni di selezione, divise in due sessioni, si sono svolte venerdì 28 ottobre presso l’Ente camerale novarese.

Ad aprire la manifestazione è stato Maurizio Comoli, presidente della Camera di Commercio di Novara: "Il vino è tra i prodotti che meglio sintetizzano sapienza produttiva, buon gusto e buona tavola e, pertanto, rappresenta un’efficace icona di qualità e lifestyle. A confermarlo sono anche i dati sulle esportazioni: nel 2015 l’export di vini e spumanti italiani ha raggiunto i 5,4 miliardi di euro, con un surplus commerciale di 5 miliardi e con il Piemonte collocato al secondo posto nella classifica delle regioni esportatrici. Un trend positivo che è proseguito anche nel primo semestre di quest’anno, con una crescita annua delle vendite all’estero pari al +1% in volume e al +3% in valore".

I quarantacinque vini dell’edizione 2016 sono stati così suddivisi nelle categorie previste dal regolamento: otto in Colline Novaresi, Coste della Sesia e Valli Ossolane Doc bianchi; venti in Colline Novaresi, Coste della Sesia e Valli Ossolane Doc rossi e rosati e diciassette in Nebbioli da invecchiamento (Boca, Bramaterra, Fara, Gattinara, Ghemme, Lessona, Sizzano).

I campioni sono stati prelevati e catalogati dalla Camera di Commercio di Novara e successivamente resi anonimi dal dottor Marco Baldino, pubblico ufficiale. È quindi avvenuta la formazione, per sorteggio, delle tre commissioni di valutazione, ognuna delle quali composta da un giornalista e sei enologi (di cui due operanti nelle province interessate dal Concorso), sotto la presidenza dell’Associazione Enologi Enotecnici Italiani.

Ogni vino è stato valutato dalle commissioni e il risultato finale di ogni campione è stato calcolato, dopo aver eliminato la scheda con il punteggio più alto e quella con il punteggio più basso di ogni commissione, attraverso la media aritmetica delle 15 schede rimanenti. A tutti i vini che hanno conseguito il punteggio complessivo di almeno 80 centesimi, corrispondenti all’aggettivazione "ottimo" in base al metodo di valutazione Union Internationale des Oenologues, è stato assegnato un diploma di merito. Al vino di ogni categoria che ha ottenuto il miglior punteggio, purché raggiunto il minimo di 85 centesimi, è stato attribuito il trofeo "Calice d’Oro 2016".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in montagna: novarese precipita e muore

  • Festa fra studenti in un locale al Ticino si trasforma in una lite

  • Incidente in montagna, è Maurizio Bruschi il novarese precipitato durante un'escursione

  • Tragedia a Novara, si sente male al funerale del marito: morta 84enne

  • Arona, sul Lago Maggiore tornano le Frecce Tricolori

  • Dopo Sanremo, Bugo: c'è chi propone la cittadinanza onoraria

Torna su
NovaraToday è in caricamento