Gozzano e Cureggio: intitolazioni e ricorrenze importanti

Gozzano si gemella con Ucria e inaugura largo Carabinieri d'Italia nell'anno del bicentenario dell'Arma. Cureggio intitola la scuola primaria a Marta Magistrini, deceduta a 45 anni in un incidente stradale

Cureggio si è raccolto per ricordare la figura eccezionale di Marta Magistrini, una donna piena d'amore che ha dedicato la sua vita agli altri.

Gozzano si è gemellata con Ucria e ha inaugurato largo Carabinieri d'Italia.

Un fine settimana ricco d'eventi quello di Gozzano, conclusosi solo lunedì 12 maggio con la corsa delle carriole per "professionisti". Domenica 11 maggio cadeva la ricorrenza della festa del Crocifisso del rione Saccamiglio, ma quest'anno è stata resa speciale e più "ufficiale" con il gemellaggio, ormai non solo religioso, con il Comune messinese di Ucria, paese nativo di un cospicuo numero di persone che vivono a Gozzano. La festa del gemellaggio si è aperta sabato pomeriggio 10 maggio con la scoprimento della targa di largo Carabinieri d'Italia ad opera di Nicolas, vice sindaco del consiglio comunale dei ragazzi. Il sindaco Carla Biscuola, nell'anno del bicentenario di fondazione dell'Arma, ha infatti deciso d'intitolare il nuovo spazio antistante il comando dei Carabinieri dedicandolo a chi in questi 5 anni d'amministrazione ha sempre collaborato proficuamente con il Comune non solo gozzanese, ma anche con quelli satelliti. Don Enzo Sala, insieme a don Carmelo, ha benedetto lo spazio alla presenza del maresciallo Penriol, a tutte le forze dell'ordine e i rappresentanti delle Associazioni. Alla cerimonia hanno partecipato anche i sindaci di Bolzano Novarese, Pogno e Briga Novarese. L'evento è stato accompagnato dalla banda Martinetti.

Cerimonia molto toccante invece a Cureggio dove, domenica mattina 11 maggio, la scuola primaria è stata intitolata alla compianta Marta Magistrini, architetto che aveva dedicato tutta la sua vita al sociale, in particolare ai bambini dell'Africa. Marta è morta in un incidente stradale esattamente un anno fa, a soli 45 anni. Tutta la famiglia di Marta era presente, dal papà Carlo che ha ringraziato tutti i bambini per le belle poesie piene d'amore e di pace che hanno recitato e la mamma Rita, al fratello Alessandro ed il marito Fabio Moneta. Sono state molte, e tutte intense, le testimonianze portate da chi ha conosciuto Marta. In particolare il vice presidente del Centro aiuti per l'Etiopia Luigi Paternoster e la volontaria dell'Associazione Giovanna Minoggio hanno ricordato Marta Magistirni come una persone sempre sorridente, con una grande disponibilità ed attenzione verso il prossimo, soprattutto i bambini più poveri dell'Africa, tanto da adottarne uno pre adolescente. Ora sia all'interno che all'esterno del plesso scolastico ci sarà una tarda in sua memoria, affinchè i giovani studenti possano conoscere la storia di Marta e possa diventare un esempio per loro.

Sfoglia tutta la gallery!

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento scontro fra auto e motocicletta: morto un centauro novarese

  • Stresa, si masturba davanti ai passanti: 26enne denunciato dai carabinieri

  • Incidente a Oleggio, ciclista investito da un'auto

  • Vco, si ribalta e rimane incastrata fra le lamiere dell’auto: persona ricoverata

  • Incidente a Casalino: schianto tra due auto sulla provinciale: tre feriti

  • Scontro tra un camion e un treno merci sui binari della Domodossola-Novara

Torna su
NovaraToday è in caricamento