Incendio di Casaleggio, la scintilla partita da una serra per coltivare marijuana

I vigili del fuoco hanno scoperto la coltivazione nell'abitazione

Foto di repertorio

Potevano essere decine le cause dell'incendio in una casa di corte a Casaleggio, invece si è scoperto che a provocare la scintilla è stata una lampada per coltivare la marijuana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I vigili del fuoco, dopo aver spento le fiamme divampate domenica mattina, hanno controllato l'appartamento e hanno scoperto da dove è partita la scintilla. Secondo le ricostruzioni sembra che le fiamme si siano propagate a causa del corto circuito di una lampada a ultravioletti per la coltivazione in interno di piante di marijuana. Sul posto sono arrivati anche i carabinieri che stanno svolgendo le indagini: sembra che la proprietaria dell'apprtamento non viva più lì da tempo. Si cerca di capire chi sia il responsabile della coltivazione illegale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Novara, maxi rissa in piazza Martiri: volano sedie e bicchieri

  • Mega incidente alle porte di Novara: scontro tra 7 auto, otto feriti

  • Novara, forte temporale con grandine su città e provincia

  • Elezioni comunali ad Arona, Monti è il nuovo sindaco

  • Arona: ha un malore mentre è a scuola, morto studente di 17 anni

  • Elezioni comunali 2020, tutti i risultati nel novarese e nel Vco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento