Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Mortara, arriva la conferma: niente diossina, verdura degli orti sicura

Arrivano i dati definitivi di Arpa, che conferma che nel novarese i livelli di diossina sono inferiori alla norma

L'incendio della ditta Eredi Bertè di Mortara

Aveva solevato parecchie preoccupazioni l'incendio alla ditta Eredi Bertè di Mortara scoppiato mercoledì 6 settembre. Un capannone dell'azienda, che tratta rifiuti pericolosi e non, ha bruciato per giorni, sprigionando fumo e odore che si sono diffusi per chilometri, tanto che nella serata di giovedì 7 la puzza di plastica bruciata è arrivata fino alla città di Novara.

Fin da subito Arpa aveva assicurato che non c'erano rischi per la salute nel novarese, anche se i dati dei monitoraggi, soprattutto quelli di Borgolavezzaro, il comune più vicino all'incendio, non erano ancora definitivi. Venerdi 8 l'agenzia ha presentato i primi dati analitici, che confermavano che non c'erano pericoli legati alla diossina sprigionata dal rogo. Ieri, mercoledì 13, sono arrivate le prime valutazioni analitiche di Arpa Piemonte, da cui non si evidenzano anomalie correlate all'incendio, come già confermato da Arpa Lombardia. 

"Dalla valutazione condotta dai tecnici sugli esiti analitici - spiega l'agenzia regionale per la protezione ambientale - relativi ai campionamenti in aria ambiente effettuati nella serata di mercoledì e giovedì, quando i venti hanno sospinto i fumi nel territorio piemontese confinante al pavese, risulta che le diossinesono nettamente inferiori al valore di 0.3 picogrammi equivalenti al metro cubo". Insomma, nessun pericolo per la salute. E dal sindaco di Novara Alessandro Canelli arriva anche una rassicurazione "Potete mangiare le verdure coltivate negli orti, mi hanno assicurato che non c'è stata alcuna contaminazione"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mortara, arriva la conferma: niente diossina, verdura degli orti sicura

NovaraToday è in caricamento