Mercoledì, 17 Luglio 2024
Cronaca

Novara, 14enne suicida: la madre si costituisce parte civile

Lo ha fatto sapere tramite il suo avvocato, Andrea Fanelli di Torino. Intanto, la triste vicenda è tornata ad occupare le pagine dei social network, questa volta per "giudicare" gli otto giovani presunti responsabili

Nell'inchiesta sulla morta della giovane Carolina Picchio, che ha portato all'iscrizione di otto minori nel registro degli indagati, la madre della giovane si costituirà parte civile.

Lo ha fatto sapere tramite il suo avvocato, Andrea Fanelli di Torino. Gli otto giovani indagati dalla Procura di Torino, tutti tra i 15 e i 17 anni, sono accusati di istigazione al suicidio e detenzione di materiale pedopornografico. Un atto dovuto, l'inchiesta, per l'esercizio di alcune attività investigative.

La Procura della Repubblica di Novara, invece, ha aperto un'altra inchiesta, per i mancati controlli su Facebook, dove sarebbero stati postati i filmati che riprenderebbero Carolina mentre scherza con alcuni ragazzi. Secondo le ipotesi dell'accusa, il suicidio della 14enne novarese potrebbe essere stato istigato proprio dalle violenze avvenute sul web.

Intanto, la triste vicenda è tornata ad occupare le pagine dei social network, questa volta per "giudicare" gli otto giovani presunti responsabili

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Novara, 14enne suicida: la madre si costituisce parte civile
NovaraToday è in caricamento