Discarica di Ghemme: Provincia e Comune dettano le regole a Daneco

Questa mattina un incontro con la ditta con regole certe sulla gestione dell'impianto di smaltimento dei rifiuti

Questa mattina, martedì 8 marzo, su convocazione del Consorzio Medio Novarese, si è svolto a Ghemme un incontro sulla gestione della discarica con la ditta Daneco. Presenti la Provincia di Novara con il presidente Matteo Besozzi e con il consigliere delegato Giuseppe Cremona e il Comune di Ghemme con il sindaco Davide Temporelli.

Anche se ad oggi non ci sono elementi che facciano pensare a criticità ambientali all'esterno del sito di discarica, la ditta è stata richiamata ad una gestione più solida e certa su tempi, organigrammi ed adeguatezza dei mezzi messi a disposizione. Tutti gli Enti hanno ribadito la preoccupazione circa tempi e modalità di completamento degli interventi e chiesto certezze alla ditta incaricata.

Dal canto suo, la Daneco ha fatto presente le difficoltà in cui è incorsa, in parte specifiche per la situazione inerente l'impianto locale, ed in parte relative ad aspetti più generali di mercato. Ha comunque dichiarato la volontà di realizzare quanto previsto seppure con modalità e tempi differenti.

Sul punto, però, tutti i rappresentanti delle amministrazioni locali hanno ribadito alcuni presupposti fondamentali per poter valutare tempi più lunghi di quelli previsti dall'autorizzazione vigente. In primis la ditta deve supportare qualsiasi ipotesi con garanzie finanziarie più ampie ed adeguate di quelle prestate fino ad oggi. In qualsiasi caso nessuno degli Enti è disponibile a valutare una riapertura di conferimento di rifiuti. Unica ipotesi è quella di una dilazione temporale contenuta e motivata di realizzazione delle opere di completamento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se entro dieci giorni tale proposta perverrà formalmente, sarà successivamente valutata attraverso una apposita conferenza dei servizi. In caso la ditta richiedesse aspetti diversi, questi non troveranno accoglimento e rimarranno validi tempi e prescrizioni già stabilite.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gite fuori porta: tre luoghi da non perdere a due passi da Novara

  • Coronavirus: in Piemonte mascherine obbligatorie anche all'aperto per il ponte del 2 giugno

  • Cameri, tutti a guardare il cielo per l’atterraggio delle Frecce Tricolori

  • Novara, le mascherine gratuite si ritirano in farmacia

  • Domodossola: addio alla pianista Alice Severi, ex bambina prodigio della musica

  • Cornavirus, primo sabato sera di apertura di bar e ristoranti a Novara

Torna su
NovaraToday è in caricamento