rotate-mobile
Cronaca Centro / Baluardo Partigiani, 6

Sanità: Roberto Cota al liceo Carlo Alberto di Novara

Il presidente della Regione Piemonte è intervenuto oggi, venerdì 20 gennaio, a Novara per discutere con gli studenti della Riforma della sanità. Cota: "La politica deve restare fuori dalla sanità"

Un incontro sulla sanità, per spiegare ai più giovani la Riforma della Regione Piemonte.

Il governatore del Piemonte Roberto Cota è intervenuto oggi, venerdì 20 gennaio, al liceo scientifico Carlo Alberto di Novara per discutere con gli studenti novaresi del piano di riforma che nelle prossime settimane sarà discusso dal Consiglio regionale.

"Abbiamo fatto in modo - ha detto Cota - che la politica resti fuori dalla sanità. Il nostro obiettivo è di trasformare la sanità, che assorbe l'80% del bilancio regionale, da servizio e centro di potere, come era prima, esclusivamente a servizio per i cittadini. E’ una riforma strutturale che migliorerà l’efficienza del sistema rendendolo allo stesso tempo più sostenibile per quanto riguarda i costi".

All'incontro erano presenti anche l'ex ministro Roberto Maroni e il sindaco di Novara Andrea Ballarè.

Le modifiche apportate al sistema sanitario regonale riguardano anche il Piano socio-sanitario, per il quale sono state avanzate alcune proposte di riorganizzazione della rete ospedaliera piemontese sulle quali l'amministrazione regionale si sta confrontando.

"Mettere mano alla riforma della sanità piemontese - ha concluso Cota - é un lavoro difficile, nel quale ci si imbatte in tanti interessi, spesso contrapposti e particolari, ma bisogna avere la determinazione di andare avanti e costruire, nell’interesse generale, l’assetto più moderno ed efficiente possibile. E’ per questo motivo che ho scelto Paolo Monferino quale assessore regionale, in quanto tecnico di comprovata esperienza, e poi perché la meritocrazia è il principio che guida tutte le nostre scelte in un settore così delicato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità: Roberto Cota al liceo Carlo Alberto di Novara

NovaraToday è in caricamento