Mafia, misure interdittive per tre aziende novaresi vicine alla 'ndrangheta

I provvedimenti sono stati firmati dal prefetto Antonio Gioffrè e riguardano tre aziende del settore ambientale

Foto di repertorio

Tre aziende novaresi sono state colpite da altrettanti informazioni antimafia interdittive firmate dal prefetto di Novara Antonio Gioffrè.

Si tratta di aziende che gestiscono servizi nel settore ambientale, considerate vicine alla 'ndrangheta. I provvedimenti sono stati assunti al prefetto al termine di un'attività investigativa durata mesi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini hanno permesso di ricostruire gli stretti legami parentali esistenti tra i componenti delle compagini aziendali interessate, tutte legate da una "regia familiare" concretamente riconducibile ad un soggetto residente nel novarese già condannato in via definitiva per associazione di tipo mafioso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Novara, maxi rissa in piazza Martiri: volano sedie e bicchieri

  • Mega incidente alle porte di Novara: scontro tra 7 auto, otto feriti

  • Novara, forte temporale con grandine su città e provincia

  • Elezioni comunali ad Arona, Monti è il nuovo sindaco

  • Arona: ha un malore mentre è a scuola, morto studente di 17 anni

  • Elezioni comunali 2020, tutti i risultati nel novarese e nel Vco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NovaraToday è in caricamento